Consulenza o Preventivo Gratuito

Ok alle dichiarazioni rese da teste non individuato

del 21/09/2010

Ok alle dichiarazioni rese da teste non individuato

La Corte di cassazione ha legittimato l'operato dei giudici di appello che hanno ammesso la condanna penale comminata a un imputato in base alle dichiarazioni di un testimone, non identificato.

La decisione si basa però sul presupposto che le dichiarazioni siano state raccolte dall'agente di polizia in una situazione di straordinaria urgenza e che siano state rese da una persona ben determinata, quindi che non siano voci generiche.

Di conseguenza in questa particolare circostanza non sussiste la violazione dell'articolo 195 del codice di procedura penale, per il quale è vietato utilizzare in sede di testimonianza indiretta dichiarazioni di chi si rifiuta o non è in grado di indicare la persona o la fonte da cui ha appreso la notizia, quando la dichiarazione narrativa sia stata acquisita dall'agente in una situazione operativa straordinaria.

a cura della Redazione

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Corte di Cassazione: online i ricorsi

del 08/07/2010

Finalmente può partire il protocollo che permette agli avvocati la consultazione online dei ricors...

iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

Fare causa d'ora in poi costerà di più

del 16/07/2010

Il maxiemendamento alla riforma finanziaria prevista dal Ministro Tremonti introduce un aumento del...