Consulenza o Preventivo Gratuito

Monete da 1 e 2 centesimi: addio dal 2018

del 19/07/2017

Monete da 1 e 2 centesimi: addio dal 2018

L’arrivo del 2018 segnerà il definitivo addio alle monete da 1 e 2 centesimi. Scopriamo cosa cambierà per i prezzi e per le monete già in circolazione.

Monete da 1 e 2 centesimi: stop al conio dal prossimo anno

Dopo l’approvazione della cosiddetta manovra bis da parte del Senato, è diventata definitivamente legge la norma che prevede lo stop al conio delle monete di taglio più basso, cioè quelle da uno e due centesimi. Introdotte con la conversione alla moneta unica, furono fin dall’inizio criticate per lo scarso valore, che porta ad un caso paradossale: il maggiore costo di conio rispetto all’effettivo valore della moneta stessa.

A prescindere da ciò, molto spesso questi tagli di monete sono stati definiti inutili, poiché non utilizzabili ad esempio presso molti distributori automatici o nei dispositivi per il pagamento della sosta.

Scopriamo però cosa cambierà in concreto dal prossimo anno.

Monete da 1 e 2 centesimi: cosa cambierà

A partire dal primo gennaio 2018 le monete da 1 e 2 centesimi non saranno più coniate, ma questo non significa che verranno tolte dalla circolazione. Infatti, almeno per un primo periodo, potranno continuare ad essere utilizzate le monete già sul mercato, che verranno ritirate progressivamente. È bene precisare che le monete più piccole continueranno ad essere valide, ma che i prezzi saranno arrotondati ai cinque centesimi o allo zero più vicini, cioè per eccesso o per difetto.

Chi pagherà in contanti potrà utilizzare comunque le monetine, che potranno anche essere date come resto, fino ad esaurimento.

La questione dell’arrotondamento non si applicherà però per i pagamenti con forme diverse dai contanti, potrà quindi essere possibile applicare prezzi con tutti i decimali, che verranno arrotondati solo in fase di pagamento e non al singolo prodotto. Ad esempio un prodotto potrà continuare ad essere venduto a 9,99 euro, ma in caso di pagamento in contanti la cifra verrà arrotondata a dieci euro, mentre rimarrà invariata per il pagamento con le carte di credito o di debito.

Il provvedimento riguarderà solo l’Italia e di conseguenza potranno circolare anche nel nostro paese monete di piccolo taglio provenienti dall’estero.

Secondo alcuni calcoli, lo stop al conio potrebbe portare ad un risparmio di venti milioni di euro per lo Stato, mentre non dovrebbe comportare costi per i consumatori, in quanto i totali verranno talvolta arrotondati per difetto, altre volte per eccesso (allo zero inferiore per 1 e 2 centesimi, al 5 per 3, 4, 6, 7 e allo zero superiore per gli 8 e 9 centesimi).

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
STUDI COMPETENTI IN MATERIA
SULLO STESSO ARGOMENTO
Regolamento Ue sul livello emissioni dei veicoli commerciali leggeri

del 30/12/2010

Il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea ha approvato un regolamento che definisc...

Bond irlandesi: un altro caso di risparmio tradito?

Avv. Fabio Benatti del 03/11/2011

I risparmiatori titolari di obbligazioni della Bank of Ireland, della Allied Irish Bank e della Angl...

Indagini finanziarie: l'onere della prova a carico del contribuente anche sui conti intestati ai parenti

Avv. Luca Patruno del 14/11/2011

L'inversione dell'onere della prova a carico del contribuente a seguito di indagini finanziarie scat...