Consulenza o Preventivo Gratuito

Pignoramento conto corrente: da luglio sarà immediato

del 06/06/2017

Pignoramento conto corrente: da luglio sarà immediato

È in arrivo una semplificazione per le procedure di pignoramento conto corrente. Scopriamo cosa cambia e come il fisco potrà accedere ai conti correnti dei contribuenti.

Pignoramento conto corrente: accesso più semplice ai conti bancari

A partire dal prossimo primo di luglio, il fisco avrà maggiori possibilità di accesso ai conti correnti in caso di inadempienza fiscale. A partire da questa data infatti l’ente di riscossione Equitalia sarà sostituito dal nuovo soggetto denominato Agenzia delle Entrate – Riscossione, che si occuperà espressamente del recupero dei crediti insoluti verso lo stato e la pubblica amministrazione.

L’arrivo del nuovo soggetto corrisponde però anche a nuove regole su notifiche e pignoramenti, che diventeranno più semplici per i conti correnti.

In particolare il nuovo ente di riscossione avrà una maggiore possibilità di accesso alle banche dati relative a pensioni, stipendi e pagamenti ed in questo modo avrà maggiori possibilità di intaccare direttamente le somme depositate sul conto corrente del contribuente moroso.

Come funziona il pignoramento conto corrente

Il pignoramento conto corrente richiederà comunque un iter specifico da seguire prima dell’addebito vero e proprio. In primo luogo l’Agenzia delle Entrate dovrà inviare una raccomandata nella quale viene richiesto il pagamento delle cartelle emesse. Trascorsi sessanta giorni, e in seguito a una seconda comunicazione, l’Agenzia può richiedere alla banca presso la quale è stato aperto il conto di inviare la cifra corrispondente al mancato pagamento, senza la necessità di alcuna autorizzazione da parte di un giudice.

Il passaggio giudiziario è invece al momento richiesto, ma questa procedura non sarà più necessaria con l’entrata in vigore delle nuove norme.

Dopo la ricezione della raccomandata che invita al pagamento, il contribuente ha la possibilità di effettuare un ricorso qualora ritenga che il debito non sia corretto o di richiedere una rateazione della cifra dovuta. Fino alla data di accettazione del piano la somma equivalente al debito, se presente sul conto, verrà comunque congelata in attesa di una decisione dell’Agenzia, che in questo modo avrà la certezza del pagamento. La somma verrà sbloccata solo una volta effettuato il pagamento della prima rata del piano rateale concordato.

A meno di decisioni successive diverse, tutte le comunicazioni da parte di Agenzia delle Entrate – Riscossione verranno inviate tramite raccomandata.

Le comunicazioni inoltrate dall’Agenzia dovranno contenere infine le modalità per presentare eventuali ricorsi o per la richiesta del piano rateale, che come avviene già ora, sarà soggetto a valutazione da parte della stessa Agenzia.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Equitalia: dilazione dei pagamenti delle somme iscritte a ruolo

Rag. Romana Romoli del 01/02/2012

In presenza di cartelle di pagamento per somme iscritte a ruolo, dopo le opportune verifiche che la...

Fisco: in arrivo i rimborsi Iva per le imprese

Dott. Davide Andreazza del 15/05/2012

E’ di questi giorni la notizia, diffusa tramite un Comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate, sec...

Niente più certificati alla Pubblica Amministrazione

Dott. Roberto Fedegari del 24/01/2012

Con direttiva 14/2011 del 22/12/2011 il Ministro della Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi, pr...