Consulenza o Preventivo Gratuito

Non tutti i beni possono essere pignorati

del 08/12/2016

Non tutti i beni possono essere pignorati

Un pignoramento è certamente un evento spiacevole; scopriamo quali sono i beni ed i crediti che non possono essere mai essere pignorati, in modo da potersi tutelare nell'eventualità di un pignoramento.

I beni non pignorabili

Secondo l'ordinamento italiano, sono non pignorabili i beni essenziali per la vita di chi viene sottoposto a pignoramento e per i famigliari conviventi. Per quanto riguarda i mobili non possono essere pignorati i letti, gli armadi, i tavoli e le sedie. Sono esclusi inoltre i vestiti e la biancheria ed elettrodomestici come frigorifero e lavatrici, oltre alle stufe ed ai fornelli necessari per la preparazione dei cibi.

Sono inoltre esclusi tutti i beni necessari allo svolgimento di un'attività lavorativa, inclusi libri e computer. 

Inoltre non possono essere pignorati i combustibili e gli alimentari per le quantità necessarie al fabbisogno famigliare di un mese (mentre sono pignorabili le restanti parti).

Oltre agli oggetti descritti sono esclusi dalla possibilità di pignoramento anche gli oggetti che potremmo definire valori affettivi, come le fedi nuziali, lettere o decorazioni al valore.

Dopo le modifiche al codice civile, anche gli animali da compagnia sono stati inseriti nella lista dei "beni" impignorabili, a prescindere dal valore commerciale dell'animale. Rimangono però esclusi gli animali utilizzati per fini produttivi o commerciali in genere.

I crediti non pignorabili

Oltre ai beni, esistono anche alcuni tipi di crediti che non possono essere soggetti a pignoramento. Nello specifico sono esclusi i crediti derivanti dal mantenimento alimentare dell'ex coniuge e le cifre dedicate al sostegno del reddito, come ad esempio i fondi destinati alle persone in stato di indigenza o quelli relativi a eventi specifici, come in caso di maternità o malattia.

Un altro credito che non può mai essere soggetto a pignoramento è la pensione minima; per gli altri casi la cifra pignorabile è calcolata sulla quota eccedente rispetto al minimo ed è da valutare in base alla composizione del nucleo famigliare, ma non può mai essere superiore ad un quinto della cifra complessiva ricevuta.

La non pignorabilità di crediti e di beni è applicabile a prescindere dall'identità del soggetto che ha iniziato la procedura di recupero del credito dovuto, sia quindi esso privato o pubblico. In caso di dubbi in merito alla pignorabilità di un bene, o nel caso in cui si pensi di essere stati sottoposti ad un pignoramento non corretto alla luce di quanto espresso in precedenza, è consigliato rivolgersi ad un legale per effettuare gli eventuali ricorsi possibili di caso in caso. 

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...

Ok alle dichiarazioni rese da teste non individuato

del 21/09/2010

La Corte di cassazione ha legittimato l'operato dei giudici di appello che hanno ammesso la condanna...