Consulenza o Preventivo Gratuito

Equitalia: nuovi piani di rateazione

del 23/08/2016

Equitalia: nuovi piani di rateazione

Dallo scorso 20 agosto Equitalia ha riaperto le possibilità di rateazione anche per coloro che erano decaduti in precedenza dal beneficio. Scopriamo i dettagli della possibilità e le modalità per accedere ai nuovi piani di pagamento a rate delle cartelle.

Equitalia: nuove rateazioni dal decreto enti locali

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del cosiddetto "decreto enti locali", la possibilità di accedere ai nuovi piani di rateazione delle cartelle non pagate è stata riaperta anche a coloro che erano stati ritenuti decaduti dalla possibilità al primo di luglio scorso.

Secondo quanto comunicato dallo stesso ente di riscossione, la possibilità di rateizzazione è quindi aperta a tutti i titolari di cartelle non pagate, a esclusione di coloro che hanno già in atto un piano di versamento a rate approvato.

Il numero massimo di rate richiedibili è pari a 72 (cioè di durata pari a sei anni, con rate mensili), a esclusione di coloro che avevano un piano di dilazione del pagamento di durata superiore, che non sono però riusciti a rispettare.

Chi può accedere alla rateazione Equitalia

Per accedere alla nuova possibilità di rateazione è necessario presentare una domanda entro e non oltre il 20 ottobre 2016, cioè entro i due mesi dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del relativo decreto. In caso di mancato pagamento di due o più rate consecutive, il contribuente decadrà in automatico dal piano di rateazione e di conseguenza l'ente di riscossione potrà procedere nel percorso di recupero del credito, come avviene di consueto.

Le domande di ammissione al nuovo piano di rateazione possono essere presentate tramite la compilazione dell'apposito modulo denominato RR1, disponibile sia online sia presso le sedi locali di Equitalia. Il piano è disponibile sia per cittadini sia per le imprese che abbiano perso i benefici di rateazione al 30 giugno.

Il modulo richiede in primis la compilazione della sezione relativa ai dati anagrafici del cittadino e dell'azienda titolare dei piani di pagamento. Nella seconda parte della domanda è necessario indicare il numero di protocollo e le rate inizialmente previste per i precedenti piani. Nella terza parte è invece necessario indicare il numero di rate richieste per ogni piano decaduto il cui numero massimo è sempre pari a 72, fermo restando l'obbligo per ogni rata di superare o equiparare il valore minimo possibile di euro cinquanta.

Precisiamo infine che il modulo può essere consegnato sia dall'interessato (cittadino o rappresentante dell'azienda) sia da un delegato.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Equitalia: dilazione dei pagamenti delle somme iscritte a ruolo

Rag. Romana Romoli del 01/02/2012

In presenza di cartelle di pagamento per somme iscritte a ruolo, dopo le opportune verifiche che la...

Fisco: in arrivo i rimborsi Iva per le imprese

Dott. Davide Andreazza del 15/05/2012

E’ di questi giorni la notizia, diffusa tramite un Comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate, sec...

Niente più certificati alla Pubblica Amministrazione

Dott. Roberto Fedegari del 24/01/2012

Con direttiva 14/2011 del 22/12/2011 il Ministro della Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi, pr...