Consulenza o Preventivo Gratuito

Statali: stretta su ferie, permessi e malattia

del 05/07/2016

Statali: stretta su ferie, permessi e malattia

Cambiamenti in vista per chi lavora come dipendente pubblico: infatti l'Aran, l'agenzia del governo per il pubblico impiego, ha pubblicato una serie di linee guida che potrebbero modificare radicalmente i rapporti di lavoro nel settore pubblico. Scopriamo le linee guida e le conseguenze per i lavoratori.

Lavoro statale: per chi cambia?

Le linee guida rese note dall'Aran (Agenzia Rappresentanza Negoziale Pubbliche Amministrazioni) si sono rese necessarie dopo i recenti fatti di cronaca che avevano portato alla scoperta di lavoratori poco fedeli, soprattutto per quanto riguardava le assenze dal luogo di lavoro. Dopo la semplificazione dei licenziamenti per chi fosse scoperto a timbrare e poi assentarsi dal lavoro, ecco dunque una nuova misura che riguarderà il settore pubblico. Parliamo di settore pubblico in generale, senza entrare nello specifico della tipologia di lavoratore, in quanto queste nuove misure riguarderanno tutti i lavoratori pubblici, a prescindere dal ruolo e dell'ente di appartenenza.

Cosa cambia per i lavoratori statali

Il primo punto dettato dalle linee guida riguarda le ferie e la malattia. Diversamente da quanto avvenuto fino ad oggi, malattie e ferie non potranno essere più richieste ad ore, ma solo a giornata. Decade quindi la possibilità di far rientrare nella malattia l'esecuzione di esami o visite specialistiche, come era invece apparso possibile dalle prime ipotesi di modifica.

Un secondo punto molto importante riguarda le ferie. I lavoratori statali infatti potranno essere fatti rientrare in qualsiasi momento, secondo le necessità dell'ente o dell'istituzione per la quale lavorano. In questo caso il lavoratore avrà però diritto al risarcimento delle spese per la vacanza non terminata, a patto che esse possano essere documentate.

Un’altra precisazione dell'Aran riguarda ancora la malattia e le attività sindacali. L'agenzia ha infatti specificato che durante i periodi di malattia non sarà possibile, per i lavoratori pubblici, compiere alcun tipo di attività sindacale, perché in contrasto con la malattia stessa, che dovrebbe sancire l'impossibilità ad eseguire attività lavorative, alle quali anche quelle sindacali possono essere assimilate.

Un ulteriore linea guida dell'Aran riguarda infine i permessi derivanti dalla legge 104 (legge che tutela i diritti dei disabili). Nel caso dell'ottenimento delle ferie e di una successiva richiesta di permesso per l'assistenza di un famigliare, il periodo di assenza dal lavoro non potrà essere convertito in permesso, se già ottenuto come ferie. Inoltre i permessi per l'assistenza non potranno più essere richiesti duranti i periodi di ferie.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Indennità di maternità al padre

del 06/09/2010

Cattive notizie per i padri di famiglia liberi professionisti che non potranno percepire l’indennità...

Lavoratori disabili: retribuzione anche durante accertamenti medici

del 22/09/2010

Quando un lavoratore con diversa abilità viene sospeso dal lavoro per accertamenti medici circa la s...

Incidenti sul lavoro: ne risponde il Cda

del 05/11/2010

Se a causa della mancata applicazione delle opportune misure di sicurezza ricorrono nel tempo gli in...