Consulenza o Preventivo Gratuito

Separazione: quali diritti hanno i nonni

del 08/06/2016

Contatta | Avvocato Mariarosa Signorini
via Saragozza 40123 Bologna (BO)
Separazione: quali diritti hanno i nonni

I nonni rappresentano una risorsa preziosa per le famiglie italiane, ma rimangono vittime dei loro momenti di crisi. Non è raro che, in caso di separazione, ciascuno dei genitori inizi a ostacolare la frequentazione dei figli con i parenti dell’altro, determinando l'estromissione, talvolta drastica, dei nonni dalla vita dei loro nipoti.

Fortunatamente sono intervenute dapprima la legge 54 del 2006 (nota come“legge sull’affido condiviso”) che riconobbe il diritto dei minori a conservare un rapporto continuativo ed equilibrato con entrambi i genitori e un rapporto “significativo” con le rispettive famiglie di origine e successivamente l'art. 317 bis c.c., introdotto dal D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, che ha stabilito i nonni abbiano il diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni.

Tale ultima norma è alquanto innovativa, perchè riconosce il diritto proprio dei nonni a mantenere rapporti con i nipoti. La “legge sull'affido condiviso” riconosceva invece questo diritto al minore, in tutela del suo interesse in ogni fase della sua crescita, educazione e cura morale.

In precedenza, ancor prima della legge 54 del 2006, la giurisprudenza - ossia le decisioni dei giudici - aveva ritenuto i nonni figure rilevanti per il minore, anche per il mantenimento allorquando i genitori fossero in difficoltà, ma non ne aveva ancora istituzionalizzato la figura.

Tornando all'art. 317 bis c.c., il nonno al quale sia impedito l'esercizio di tale diritto può ricorrere al giudice del luogo di residenza abituale del minore affinché siano adottati i provvedimenti più idonei nell'esclusivo interesse del minore

Ma come si fa?

  1. Con l’assistenza di un bravo e onesto avvocato si presenta un ricorso in cui si spiega nel dettaglio cosa è avvenuto prima, durante e dopo la separazione, ponendo l’accento sul pregiudizio che il genitore, ostacolando o negando il rapporto del proprio figlio con i nonni, provoca nel bambino e, quindi, dimostrando che la prosecuzione del rapporto con i nonni è fondamentale e necessaria al minore.

  2. Il Tribunale dispone l'ascolto del minore che abbia compiuto gli anni dodici e anche di età inferiore ove capace di discernimento.

  3. Qualora il Tribunale decida per la frequentazione dei nonni nei confronti dei nipoti e il genitore perseveri nel suo atteggiamento ostativo, è possibile denunciarlo ai sensi dell’articolo 388 del codice penale per “mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice”.

  4. I nipoti devono, quindi, poter mantenere un rapporto con i loro nonni e in tal senso possono venire in aiuto gli strumenti tecnologici, come telefono e pc. Dal 2008 numerose sentenze stabiliscono le modalità del diritto di visita anche attraverso l'utilizzo della webcam.

  5. Controversa rimane, comunque, la competenza funzionale per tali procedimenti. Nonostante una norma delle disposizioni di attuazione al codice civile avesse stabilito la competenza del Tribunale per i Minorenni del luogo di residenza del minore, il Tribunale per i Minorenni di Bologna ha sollevato questione di legittimità di tale norma per violazione di numerose articoli della Costituzione. Segnatamente il giudice minorile asserisce che, esistendo già il procedimento di separazione o divorzio avanti il Tribunale ordinario, si realizzerebbe una frantumazione processuale che arrecherebbe danno ai minori e non terrebbe conto del loro interesse preminente.

 
vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Separazione dei coniugi: il diritto di visita dei nonni

del 08/07/2010

Una delle innovazioni più importanti dell’ultima riforma del diritto di famiglia è rappresentata da...

Corrispondenza riservata

del 19/07/2010

Tribunale di Monza - Giudice Monocratico Pastore - 07/10/09 - ART. 616 C.P. Non è rilevante penalm...

Le crisi coniugali nelle unioni di lunga durata

del 23/07/2010

Da ricerche Istat presso le cancellerie dei 165 tribunali civili italiani, su 1000 matrimoni 286 fin...