Consulenza o Preventivo Gratuito

Myfoglio: dal gestionale al professional network

del 07/06/2016

Myfoglio: dal gestionale al professional network

Spesso complessi o troppo costosi, alcuni lontani dal panorama fiscale italiano, i software di gestione e fatturazione aziendali sono una scelta difficile per i liberi professionisti e le piccole organizzazioni aziendali, che oltre a non disporre di grandi risorse, da poco più di un anno stanno affrontando la fatturazione elettronica adottata dalla pubblica amministrazione (FatturaPA). In attesa della disposizione normativa che renda la fatturazione elettronica obbligatoria anche nel B2B, è bene guardarsi intorno e cominciare a scegliere soluzioni informatiche adeguate.

Molte le piattaforme online e offline che offrono servizi di fatturazione gratis o a pagamento, ma poche si fanno apprezzare come myfoglio, l’applicazione cloud italo-svizzera che coniuga in un’unica soluzione una WebApp per fatturare a privati e pubbliche amministrazioni, un basilare ERP e un social network di professionisti che possono così amministrare l’azienda mentre colgono nuove opportunità di business.

Il target di riferimento cui ha puntato la società italo-svizzera, guidata da Roberto Stefanini, sono gli imprenditori “fai-da-te”, coloro che preferiscono svolgere molte operazioni gestionali relative alla propria attività senza perdersi in complessi passaggi di carta fra clienti e commercialisti, abbracciando l’innovazione digitale a piccoli passi, monitorando per quanto possibile il flusso documentale e creando da sé la documentazione fiscale di base (fatture, ricevute, bolle, prima nota…).

Da questo punto di vista, la formula freemium proposta da myfoglio è quella che meglio di altre può raggiungere questo pubblico di utenti, perché assicura funzionalità di base gratuite senza precludersi moduli aggiuntivi che possono essere acquisiti in abbonamento al momento del bisogno, come la FatturaPA. Spiega il CEO di myfoglio: “Tutta l’offerta si basa su un modello autenticamente freemium. Nella versione base gratuita non ci sono limiti al numero di documenti e anagrafiche clienti che si possono generare, sulle fatture emesse o ricevute. La versione a pagamento comporta una spesa di 5 € al mese per condividere le informazioni necessarie con il proprio commercialista e accedere ad alcune operazioni di rendicontazione”.

La qualità dell’applicativo si può apprezzare sul campo: l’interfaccia è ben studiata e pulita, sia su PC che su smartphone e tablet; il supporto tecnico è molto presente e numerosi aspetti importanti della fatturazione sono facilmente personalizzabili, come i profili IVA (Regime dei minimi, esenzioni IVA, ecc.), la grafica del documento, le eventuali spese in fattura, gli sconti, ecc. L’applicazione mobile è disponibile per tutti i principali sistemi operativi: iOS, Android e anche il nuovo nato di Microsoft, che lo scorso dicembre ha scelto myfoglio per presentare Continuum.

Ben 10.000 gli utenti registrati che in soli 12 mesi hanno adottato myfoglio, talvolta anche per soddisfare esigenze più complesse rispetto all’emissione di semplici fatture, come si può vedere dall’introduzione della Prima Nota. Gli iscritti sono stati il principale oggetto di indagine da parte del team di myfoglio, uno screening i cui risultati sono stati sorprendenti oltreché significativi per migliorare la piattaforma: fra i principali utilizzatori di myfoglio si ritrovano idraulici, musicisti, archeologi e fioristi, accanto a medici e consulenti fiscali, di età compresa fra i 29 e i 42 anni, operanti in larga parte nel nord/centro Italia, organizzati in s.r.l. o s.a.s, che emettono fatture dopo le 21.

In effetti, il gestionale myfoglio è ideale per emettere, organizzare, trovare e archiviare, oltre alle fatture, anche bolle di accompagnamento, ricevute acquisti e vendite, note di credito, catalogare scontrini e fatture acquisti, monitorare il fatturato, controllare le scadenze, programmare l’emissione di fatture, monitorare gli insoluti, filtrare informazioni su clienti, documenti e prodotti grazie a un efficiente motore di ricerca. Il tutto fuori ufficio, fuori orario, fuori dai luoghi e tempi convenzionali, perché l’applicazione è anche mobile e nel cloud.

Quante altre funzionalità potranno essere implementate in myfoglio? Risponde Stefanini: Se myfoglio volesse arricchirsi di troppe funzionalità finirebbe probabilmente per derogare alla estrema semplicità della sua interfaccia, cioè all’ingrediente che ne ha decretato il successo. Eravamo partiti con l’idea di un servizio a tutto tondo, escludendo la fatturazione elettronica. In seguito, però, abbiamo aggiunto anche quella operando in collaborazione con l’Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane: la stessa user experience permette di completare i passi necessari per l’invio della fattura elettronica attraverso i servizi dell’ICBPI”.

Insomma, myfoglio manda in pensione il tradizionale ERP e abbraccia la filosofia del cloud semplificando tutte quelle operazioni gestionali che tendono ad allontanare gli imprenditori dalla propria realtà aziendale, consentendo loro di muoversi e organizzarsi con tempi più flessibili e all’interno della realtà digitale.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
La firma elettronica per le operazioni notarili

del 20/07/2010

Attraverso la firma elettronica si potranno firmare gli atti delle operazioni notarili per quanto ri...

Severe norme per i Commercialisti

del 20/07/2010

Anche per i Commercialisti è in arrivo una “stretta” dal regolamento disciplinare se non pagano la...

Riaddebito di spese tra professionisti

del 16/09/2010

La Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro ha emesso un parere che precisa le modalità di trattam...