Consulenza o Preventivo Gratuito

Il lieve inadempimento nell'avviso bonario

del 27/05/2016

Il lieve inadempimento nell'avviso bonario

LIEVE INADEMPIMENTO - RAVVEDIMENTO AVVISO BONARIO

CIRCOLARE N. 17 DEL 29 APRILE 2016

Finalmente è stata introdotta la norma che permette in caso di “lieve inadempimento” di sanzionare in maniera ridotte e/o di ravvedere il ritardato pagamento delle somme risultanti nell’avviso bonario.

La norma in questione è l’art. 15 ter del D.P.R. n. 602 del 29 settembre 1973 rubricato “inadempimenti nei pagamenti delle somme dovute a seguito dell’attività di controllo dell’Agenzia delle Entrate” comma 3 e 4.

La norma si applica sia per i versamenti in un'unica soluzione sia in caso di rateizzazione.

La fattispecie del lieve inadempimento . si configura qualora il versamento venga effettuato con un ritardo non superiore a sette giorni, mentre in caso di insufficiente versamento della rata, per una frazione non superiore al 3% e, in ogni caso, a diecimila euro.

Il comma 5, dispone che in caso di tardivo pagamento di una rata o della somma complessiva o in caso di insufficiente versamento,  l’iscrizione a ruolo dovrà essere effettuata sull’eventuale frazione non pagata mentre la sanzione di cui all’art. 13 del D.Lgs.471 del 18 dicembre 1997, dovrà essere commisurata all’importo non pagato o pagato in ritardo e dei relativi interessi.

La circolare n. 17 del 29 aprile 2016, al paragrafo “Trattamento Sanzionatorio” precisa  che

la sanzione ex art. 13 del D.Lgs. 471 del 1197 dovrà essere pari ai seguenti importi:

- se il ritardo è inferiore a 15 giorni la sanzione del 15 per cento è ulteriormente ridotta a 1/15 (1 per cento) per ogni giorno di ritardo;

- se il ritardo è non superiore a 90 giorni la sanzione sarà pari al 15 per cento;

- se il ritardo è superiore a 90 giorni la sanzione sarà uguale al 30 per cento.

In caso di versamento carente:

la sanzione ex art. 13 del D.Lgs. 471 del 1197 dovrà essere pari ai seguenti importi:

- Frazione non pagata dell’importo dovuto;

- Sanzione del 30 percento ai sensi dell’art. 13 del d.lgs. n. 471 del 1997,

- Interessi legali calcolati sulla frazione non pagata.

Ovviamente, per evitare l’iscrizione a ruolo, al contribuente è ammessa la possibilità di  utilizzare lo strumento del ravvedimento operoso.

- Entro 90 giorni dalla scadenza, in caso di versamento in un'unica soluzione;

- Entro il termine di pagamento della rata successiva, in caso di versamento rateale;

- Entro 90 giorni dalla scadenza, in caso di ultima rata.

Il presente documento è aggiornato al 27.05.2016

Emilia D’Aprile

Dottore Commercialista

Tel. 06.70.30.25.59 

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Detengo un immobile in Francia per uso personale e che non viene quindi locato a terzi. Come devo comportarmi nella redazione del Modello Unico?

Dott.ssa Paola Saldi del 07/05/2012

Il possesso di un immobile all’estero obbliga alla compilazione del modulo RW all’interno del Modell...

La Corte Costituzionale si pronuncia sul termine di prescrizione da 4 a 8 anni per gli accertamenti tributari

Rag. Romana Romoli del 05/09/2011

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 247 del 20 luglio 2011, depositata il 25 luglio 2011, ha...

I capitali italiani in Svizzera: quale futuro

Avv. Giovanni Leoni del 10/11/2011

Fra i provvedimenti allo studio del governo italiano vi è la stipula di un accordo bilaterale con la...