Consulenza o Preventivo Gratuito

Fisco, aumentano la cause intentate del 5,87%

del 08/04/2016

Fisco, aumentano la cause intentate del 5,87%

257.000 cause intentate da cittadini e imprese contro le autorità fiscali nel 2015, un numero in crescita del 5,87% rispetto al 2014 nonostante una flessione nell’ultimo trimestre dell’anno appena trascorso. Le autorità fiscali, però, possono comunque festeggiare: le cause pendenti sono in calo del 7,2%, attestatesi a quota 530.000 ricorsi.

Gli esiti delle cause concluse nel 2015 hanno dato completamente ragione agli enti impositori nel 44,85%, consentendo così alle autorità fiscali di recuperare circa 3 miliardi di euro. Nel 32,21%, invece, i giudici hanno dato ragione totale al contribuente, con l’annullamento di procedimenti – tra cartelle e accertamenti – per complessivi 2,3 miliardi. La percentuale di cause risolte in favore dei contribuenti aumenta sensibilmente nel processo in appello: il 40,8% degli esiti, infatti, è a favore dei cittadini per un controvalore di 1,1 miliardi. Il 45,35% delle sentenze d’appello, invece, è a favore delle autorità per un valore di 1,3 miliardi di euro.

Infine, l’importo medio delle cause, nell’ultimo trimestre dell’anno, è stato di 98.000 euro in Ctp e di 185.000 euro in Cpr. Il complessivo delle cause intentate nel 2015 è superiore a 30 miliardi, con il 70% dei procedimenti che riguarda cifre fino a 20.000 euro (3% del conteso complessivo) mentre le cause sopra il milione di euro, che pure riguardano solo il 2% dei procedimenti, quotano i due terzi dell’importo complessivo delle contese.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Detengo un immobile in Francia per uso personale e che non viene quindi locato a terzi. Come devo comportarmi nella redazione del Modello Unico?

Dott.ssa Paola Saldi del 07/05/2012

Il possesso di un immobile all’estero obbliga alla compilazione del modulo RW all’interno del Modell...

La Corte Costituzionale si pronuncia sul termine di prescrizione da 4 a 8 anni per gli accertamenti tributari

Rag. Romana Romoli del 05/09/2011

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 247 del 20 luglio 2011, depositata il 25 luglio 2011, ha...

I capitali italiani in Svizzera: quale futuro

Avv. Giovanni Leoni del 10/11/2011

Fra i provvedimenti allo studio del governo italiano vi è la stipula di un accordo bilaterale con la...