Consulenza o Preventivo Gratuito

Smartworking: benefici del lavoro agile

del 04/04/2016

Contatta | Studio Anselmi
Via G. Carducci 36 Milano 20123 Milano (MI)
Smartworking: benefici del lavoro agile

In senato si sta recentemente discutendo il disegno di legge sul lavoro agile, il cosiddetto smartworking. Anzitutto, bisogna chiarire che questa non è una nuova tipologia contrattuale bensì un nuovo modo per svolgere la prestazione lavorativa. Lo smartworking, molto utilizzato nelle imprese medio-grandi, sta lentamente avendo un discreto successo nelle piccole imprese.

Il nuovo modo di svolgere la prestazione lavorativa implica un cambiamento notevole nel mercato del lavoro poiché stravolge la nostra visione di attività lavorativa. Fino a non molti anni fa era impensabile che si potesse svolgere la propria mansione lontano dalla postazione di lavoro. Il lavoro agile, inteso come particolare modo di eseguire la prestazione lavorativa, è definito come una prestazione di lavoro subordinato, ciò non toglie sicuramente che non tutti i lavori potranno essere svolti al di fuori degli spazi aziendali. Grazie al lavoro agile, sicuramente i lavoratori riusciranno a conciliare in modo migliore, grazie alla flessibilità concessa, i propri impegni di vita con il lavoro.

Una perplessità che senza dubbio sorge è quante saranno le imprese che riusciranno realmente a diventare “smart” poiché sotto il profilo giuridico il lavoratore sarà sempre “etero-diretto” ma non più “etero-organizzato” configurandosi, così, in una nuova figura di lavoratore che oscilla tra lavoratore subordinato e collaboratore coordinato continuativo.

Tuttavia, secondo le stime ci sarà un incremento della produttività del 25% che non è poco, inoltre per le aziende certamente ci sarà un abbattimento dei costi aziendali senza dimenticare i benefici che di riflesso ci saranno per l’ambiente dovuto al minore inquinamento. Quindi possiamo dire che, nel caso in cui si riesca ad instaurare un reale meccanismo di fiducia tra dipendente e azienda, il lavoro agile sarà un politica di welfare che produrrà molti effetti positivi nell’organizzazione aziendale.

Ci resta da capire come si configureranno gli istituti di malattia e infortunio, poiché il lavoro agile non deroga al Testo Unico sulla sicurezza del lavoro. In conclusione si può affermare che sicuramente è un bel punto di partenza poiché dimostra innovazione e modernità sul lavoro che fino ad ora nel nostro Paese sono state carenti.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Lavoro e stranieri: le ultime novità

Avv. Luca Failla del 02/01/2012

Con diversi provvedimenti sia di matrice nazionale sia di matrice comunitaria il lavoro degli strani...

Ho lavorato per un anno con contratto di collaborazione a progetto, ora l'azienda vorrebbe assumermi come apprendista: è corretto?

Dott. Claudio Zaninotto del 06/02/2012

Dipende. E’ senz’altro corretto se, nell’ipotesi di assunzione con qualifica di apprendista, l’attiv...

Le novità di inizio 2012 in materia di lavoro e previdenza

Avv. Luca Failla del 07/02/2012

Dopo gli interventi anticipati con i decreti di luglio e agosto recanti le manovre economiche estive...