Consulenza o Preventivo Gratuito

Come chiedere un assegno per nucleo famigliare e accesso al Fondo di Garanzia INPS

del 03/03/2016

Come chiedere un assegno per nucleo famigliare e accesso al Fondo di Garanzia INPS

In caso di fallimento dell’azienda o di insolvenza da parte del datore di lavoro, il lavoratore può recuperare il TFR o altri crediti (ultime 3 mensilità) con l’intervento del Fondo di Garanzia INPS che interviene nei casi di cessazione del rapporto di lavoro subordinato se si accerta lo stato di morosità: procedura concorsuale, fallimento, concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione straordinaria. Restano esclusi tredicesima e prestazioni di malattia e maternità.

In tutti i casi la domanda al Fondo si presenta alla sede INPS competente per residenza (se all’estero, quella dell’ultima residenza in Italia o di domicilio).

In caso di fallimento, bisogna allegare la seguente documentazione:

·  copia documento di identità personale, se la domanda non viene firmata in presenza di un funzionario INPS;

·  modello TFR/CL-BIS – COD. SR52;

·  copia autentica dello stato passivo;

·  copia autentica del decreto di ammissione tardiva allo stato passivo in caso di ammissione tardiva al passivo fallimentare;

·  attestazione della cancelleria del Tribunale in cui venga dichiarato che il credito del lavoratore non è stato oggetto di opposizione o di impugnazione;

·  copia domanda di ammissione al passivo con i relativi conteggi;

·  copia buste paga relative al periodo per il quale è richiesto l’intervento del Fondo di Garanzia.

La domanda può essere presentata dal 15esimo giorno successivo al deposito dello stato passivo reso esecutivo in caso di fallimento, liquidazione coatta amministrativa o amministrazione straordinaria, oppure dal giorno seguente alla pubblicazione della sentenza che decide eventuali impugnazioni o opposizioni. Una volta ricevutala, l’INPS liquida il TFR in 60 giorni.

La domanda va presentata entro 5 anni dal provvedimento che chiude la procedura concorsuale a cui è stata sottoposta l’impresa per il recupero del TFR, oppure entro 1 anno per il recupero delle ultime tre mensilità della retribuzione.

L’assegno per il nucleo familiare ai lavoratori dipendenti è una prestazione economica che spetta ai lavoratori italiani, dell’Unione Europea e stranieri, dipendenti da aziende italiane operanti in Italia o all’estero, ed ai titolari di prestazioni a carico dell’assicurazione generale obbligatoria, per il proprio nucleo familiare.

I lavoratori possono essere:

·  occupati a tempo pieno;

·  occupati a tempo parziale;

·  soci di cooperative che lavorano alle dipendenze della stessa;

·  detenuti, dipendenti dell’amministrazione penitenziaria;

·  domestici (colf e badanti);

·  titolari di prestazioni previdenziali;

L’assegno spetta ai lavoratori che hanno un reddito del nucleo inferiore alle fasce reddituali stabilite ogni anno dalla Legge e costituito almeno per il 70% da redditi da lavoro dipendente o assimilati. Formano il reddito familiare i redditi complessivi assoggettabili all’Irpef, i redditi di qualsiasi natura e quelli esenti da imposta o soggetti a ritenuta alla fonte se complessivamente superiori ad Euro 1.032,91.

L’erogazione della prestazione decorre dalla data di inizio del rapporto di lavoro e prosegue fino alla data di cessazione dello stesso.

In caso di lavoratori di ditte cessate o fallite, la domanda deve essere presentata dal lavoratore direttamente all’Inps. Nel caso di lavoratori di ditte cessate, si dovrà allegare alla domanda apposita dichiarazione della ditta da cui risulti:

·  data di cessazione attività della ditta;

·  numero delle giornate effettivamente lavorate dal richiedente ed ogni altro elemento utile a determinare l’importo dell’ANF;

·  versamento a favore del richiedente, per il periodo richiesto, dei contributi;

·  motivi della mancata erogazione, nei periodi indicati, dell’ANF al richiedente;

·  impegno a non effettuare il pagamento della prestazione successivamente al rilascio della dichiarazione.

 Nel caso di lavoratori di ditte fallite, si dovrà allegare alla domanda:

·  dichiarazione del curatore fallimentare attestante gli estremi del fallimento, l’esistenza del rapporto di lavoro ed ogni altro elemento utile a determinare l’importo dell’ANF;

·  dichiarazione del lavoratore che attesti il mancato ricevimento dell’assegno e l’impegno a non insinuare nel passivo fallimentare i crediti per la prestazione che viene richiesta con pagamento diretto.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Indennità di maternità al padre

del 06/09/2010

Cattive notizie per i padri di famiglia liberi professionisti che non potranno percepire l’indennità...

Lavoratori disabili: retribuzione anche durante accertamenti medici

del 22/09/2010

Quando un lavoratore con diversa abilità viene sospeso dal lavoro per accertamenti medici circa la s...

Incidenti sul lavoro: ne risponde il Cda

del 05/11/2010

Se a causa della mancata applicazione delle opportune misure di sicurezza ricorrono nel tempo gli in...