Consulenza o Preventivo Gratuito

Lavoro: retribuzione di colf e badanti 2016

del 29/01/2016

Lavoro: retribuzione di colf e badanti 2016

Qual è la giusta retribuzione per colf, badanti e collaboratori domestici in generale? Nei giorni scorsi è stato pubblicato l'aggiornamento annuale delle tabelle di compenso, con le retribuzioni minime previste per i diversi casi occupazionali. In linea di massima, le tariffe sia orarie che mensili hanno subito un incremento rispetto ai minimi previsti per il 2015.

Andiamo allora a vedere quali sono le retribuzioni minime previste per i casi più comuni, sempre tenendo conto che i minimi stabiliti cambiano a seconda dell'esperienza del collaboratore, che può variare dalla categoria "A", alla quale corrisponde il livello più basso di esperienza; fino alla categoria "D Super", attribuita a lavoratori con un altissimo livello di esperienza nel settore.

Per quanto riguarda i collaboratori a tempo pieno conviventi, lo stipendio minimo varia da 624,65 euro mensili per la fascia più bassa fino a 1.192,52 euro per la fascia più alta. A questa cifra vanno aggiunti 167,94 a titolo di indennità. Nel caso in cui il lavoratore sia convivente ma impegnato part time (fino a 30 ore settimanali), lo stipendio varia da un minimo di 567,87 euro fino a un massimo di 658,71 euro. Se invece il collaboratore non è convivente con la famiglia o la persona presso la quale presta servizio, la paga viene calcolata su base oraria. In questo caso, il minimo previsto è di 4,54 euro all'ora, mentre il massimo della tabella retributiva 2016 è di 8,06 euro.

Altro trattamento ancora è previsto per l'assistenza soltanto notturna da parte del collaboratore. Nel caso specifico, lo stipendio mensile varia da un minimo di 979,57 euro, nel caso di assistenza a una persona autosufficiente; fino a un massimo di 1.371,42 euro, quando invece a essere bisognoso di assistenza è un soggetto non autosufficiente. In ogni caso la sola presenza notturna, nella fascia oraria compresa tra le 21 e le 8, è retribuita con 655,89 euro, a prescindere dal livello di appartenenza del lavoratore. Per quanto riguarda poi l'indennità minima di vitto e alloggio, per il 2016 è stata fissata in 5,48 euro giornalieri.

Tutte le cifre indicate riguardano la retribuzione netta del dipendente, e sono quindi al netto dei contributi previsti dalla normativa in vigore. Le nuove tariffe minime sono valide a partire dal 1 gennaio 2016 e saranno quindi applicate anche sui rapporti di lavoro già in essere per il mese di gennaio.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Nel Lul ci va la retribuzione reale

Dott. Claudio Zaninotto del 28/12/2011

La risposta all’interpello proposto al Ministero del Lavoro dai colleghi consulenti del lavoro, in c...

Lavoro e stranieri: le ultime novità

Avv. Luca Failla del 02/01/2012

Con diversi provvedimenti sia di matrice nazionale sia di matrice comunitaria il lavoro degli strani...

Ho lavorato per un anno con contratto di collaborazione a progetto, ora l'azienda vorrebbe assumermi come apprendista: è corretto?

Dott. Claudio Zaninotto del 06/02/2012

Dipende. E’ senz’altro corretto se, nell’ipotesi di assunzione con qualifica di apprendista, l’attiv...