Consulenza o Preventivo Gratuito

Bollette luce e gas 2016: le novità

del 23/01/2016

Bollette luce e gas 2016: le novità

Novità in arrivo per quanto riguarda le utenze dell'energia elettrica e del gas. Scopriamo quali sono le più significative per il 2016.

Nuova bolletta: più chiarezza per gli utenti

La prima novità 2016 per le bollette di luce e gas riguarda le fatture emesse nei confronti del cliente. Infatti le nuove bollette che verranno inviate a partire dall'anno in corso saranno semplificate rispetto a quanto avveniva in passato. In particolare esse dovranno essere composte di un solo foglio per quanto riguarda i dettagli della fornitura e tutte le voci dovranno essere di immediata lettura e comprensione. In realtà alcuni operatori sia del mercato elettrico sia di quello del gas hanno già provveduto nel corso del 2015 ad aggiornare i formati delle proprie fatture, riducendo il numero di informazioni inserite. Per quanto riguarda le voci, in particolare verranno differenziate quelle che riguardano la tassazione e le accise dalle sezione relative ai consumi, in modo da rendere più facile per l'utente identificare le voci di spesa relative ai consumi veri e propri. Per quanto concerne la bolletta dell'energia elettrica, essa dovrà indicare in modo chiaro i dettagli dei consumi effettuati nelle diverse fasce orarie, per permettere all'utente di individuare i periodi di maggiore consumo ed eventualmente scegliere tariffe diverse che prendano in considerazione i periodi di utilizzo (come la tariffa bioraria).

Tariffe in calo per luce e gas

Sia per le forniture di energia elettrica sia per quelle relative al gas, il 2016 porterà con sé una riduzione delle tariffe. In particolare è previsto un calo del 3,3% per quanto riguarda le tariffe del gas e dell'1,2% per la corrente elettrica. Secondo le prime stime effettuate dalle associazioni dei consumatori, il risparmio medio dovrebbe tradursi in 57 euro per ogni famiglia. 

Oltre agli sconti tariffari, è possibile usufruire di un ulteriore risparmio nel caso di adozione della bolletta elettronica, che permette di ridurre la spesa di circa 6 euro per ogni utenza. Per usufruire di questo tipo di possibilità è però di solito necessaria l'attivazione dei pagamenti tramite conto corrente o carta di credito, mentre di solito non è consentita la ricezione della stessa nel caso di pagamento con bollettini postali, nonostante esistano eccezioni al caso.

Per i dettagli relativi a questo aspetto e per eventuali dubbi in merito alle voci delle bollette, si invita a fare riferimento all'assistenza clienti del proprio fornitore. Ricordiamo infine che è sempre possibile effettuare il cambio del fornitore per entrambe le tipologie di utenze, senza necessità di comunicare alcun tipo di disdetta.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Indennità di maternità al padre

del 06/09/2010

Cattive notizie per i padri di famiglia liberi professionisti che non potranno percepire l’indennità...

Lavoratori disabili: retribuzione anche durante accertamenti medici

del 22/09/2010

Quando un lavoratore con diversa abilità viene sospeso dal lavoro per accertamenti medici circa la s...

Incidenti sul lavoro: ne risponde il Cda

del 05/11/2010

Se a causa della mancata applicazione delle opportune misure di sicurezza ricorrono nel tempo gli in...