Consulenza o Preventivo Gratuito

In arrivo agevolazioni per professionisti e lavoratori autonomi

del 08/01/2016

In arrivo agevolazioni per professionisti e lavoratori autonomi

La Legge di Stabilità, approvata a ridosso delle Festività natalizie, ha portato in dote 10 milioni di euro (ma diventeranno 50 milioni nel 2017) che confluiranno in un fondo per la tutela del lavoro autonomo. Per la prima volta i professionisti hanno trovato sotto l’albero un provvedimento a favore della propria categoria, che confluirà in un Disegno di Legge da proporre al Parlamento già nel prossimo mese di gennaio.

Ma cosa contiene il Ddl in via di presentazione? Innanzitutto la possibilità dell’integrale deduzione di quanto investito in formazione – vale a dire corsi, master, convegni – fino ad un tetto massimo di 10 mila euro; poi un’ipotesi del tutto innovativa, e cioè la facoltà concessa ai lavoratori autonomi di sottoscrivere una polizza assicurativa che li tuteli dai ritardi nei pagamenti da parte dei clienti o dall’insolvenza degli stessi, potendo altresì portare in detrazione i premi assicurativi corrisposti.

Ancora, nel provvedimento vengono individuate una serie di clausole contrattuali, quali la possibilità di modifica unilaterale del contratto, il recesso senza preavviso oppure tempi abnormi nei pagamenti, molto spesso imposte al professionista dal proprio committente, che d’ora in poi saranno considerate nulle. Sono previste anche agevolazioni in ipotesi di maternità e/o malattia: nel primo caso si avrà diritto all’indennità di maternità, pur continuando a lavorare e, in seguito, alla nascita del bambino, a sei mesi di congedo parentale; nell’eventualità, invece, di grave malattia che superi i 30 giorni di inabilità, al lavoratore autonomo sarà concessa facoltà di sospendere il versamento dei contributi, fino ad un massimo di due anni e, comunque, non oltre il periodo di malattia e poi corrispondere a rate il debito previdenziale maturato. Da ultimo merita segnalare anche la nuova tutela accordata ai professionisti che dovessero dar vita ad invenzioni originali durante lo svolgimento dei propri obblighi contrattuali: in questa ipotesi lo sfruttamento economico dell’opera innovativa non spetterà più al committente, bensì al professionista che l’ha creata. 

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
La firma elettronica per le operazioni notarili

del 20/07/2010

Attraverso la firma elettronica si potranno firmare gli atti delle operazioni notarili per quanto ri...

Severe norme per i Commercialisti

del 20/07/2010

Anche per i Commercialisti è in arrivo una “stretta” dal regolamento disciplinare se non pagano la...

Riaddebito di spese tra professionisti

del 16/09/2010

La Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro ha emesso un parere che precisa le modalità di trattam...