Consulenza o Preventivo Gratuito

Truffe INPS: un problema cronico da milioni di euro

del 20/11/2015

Truffe INPS: un problema cronico da milioni di euro

Quante volte abbiamo sentito parlare da stampa, web e tv di truffe INPS ai danni dello stato? Centinaia, probabilmente. Le notizie di truffe all'INPS infatti si susseguono senza interruzioni nelle cronache dei media.

Truffe INPS: le più comuni

Sono due le tipologie di truffa all'INPS più comuni. La prima è certamente quella relativa alle false assunzioni, che generano un danno non solo alle casse dell'INPS ma allo stato in generale. In alcuni casi questo tipo di truffa ha raggiunto dimensioni enormi, con danni milionari per l'ente previdenziale (e di conseguenza per tutti i cittadini). Un altro tipo di truffa piuttosto ricorrente ai danni dell'INPS è quella relativa alla riscossione delle pensioni di persone decedute. In questo caso rientrano sia le riscossioni che non si interrompono al decesso del defunto (che non viene dichiarato tale), sia quelle che riguardano i falsi eredi della persona deceduta. Tuttavia la casistica delle truffe INPS non si esaurisce con questi casi, come dimostrano le più recenti notizie di cronaca relative.

Cronaca: le ultime truffe e i costi delle truffe INPS

Partiamo dai costi delle truffe perpetrate ai danni dell'INPS. Secondo i dati disponibili nel 2013 sono state scoperte truffe per 82 milioni di euro. La cifra è aumentata ulteriormente nel 2014, con la scoperta di truffe per 113 milioni di euro. Per rendere questa cifra più comprensibile si pensi che essa è pari ad un'annualità di pensione da 500 euro al mese per circa 19.000 persone. 

Risale al mese scorso l'ultima scoperta clamorosa in fatto di truffe INPS. A Nocera Inferiore (SA) si indaga su una presunta truffa ai danni dell'istituto previdenziale, compiuta con la partecipazione di alcuni dipendenti dello stesso istituto. Secondo quanto emerso, dirigenti e dipendenti avrebbero favorito la creazione false aziende e di conseguenti false assunzioni. Le indagini hanno inoltre fatto emergere la possibilità che i dirigenti e dipendenti accusato di truffa abbiano incassato premi e incentivi per ispezioni non realmente effettuate.

Spostandosi più a sud, in Calabria, è stata scoperta una truffa portata a termine da un solo ex dipendente, che aveva inventato finti eredi di persone decedute allo scopo di incassare le pensioni non spettanti. Le indagini hanno portato alla luce più di 450 falsi eredi, per una truffa all'INPS da 4,7 milioni di euro.

Non mancano episodi minori: a Cremona i famigliari di un defunto hanno continuato a percepirne la pensione, incassando circa 400 mila euro; stesso copione per un uomo di Pisa che avrebbe incassato la pensione della zia defunta, sottraendo 125.000 euro alle casse INPS.

E l'elenco dei fatti di cronaca potrebbe continuare ancora a lungo. 

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Contributi figurativi extra per il reinserimento

del 05/11/2010

Via libera alla contribuzione figurativa integrativa per i beneficiari di prestazioni sociali. Con l...

Incentivi per chi assume over 50

Rag. Maurizio Cason Villa del 09/05/2012

Il Consiglio dei Ministri ha presentato il 23 marzo 2012 il disegno di legge di riforma del mercato...

Contributi: la ricongiunzione è sempre a titolo oneroso

Dott. Gianluca Anselmi del 14/05/2012

La ricongiunzione dei contributi è quell’istituto che permette, a chi ha posizioni assicurative in g...