Consulenza o Preventivo Gratuito

Dopo il pagamento del debito, chi può esercitare dei diritti sull’atto di precetto?

del 18/11/2015

In diverse sentenze di legittimità è stata esaminata la questione se si debba o meno ritenere sussistente il diritto di procedere all’esecuzione per le spese relative alla redazione del precetto stesso e alla sua notificazione, allorché il debitore abbia pagato quanto dovuto, in base al titolo esecutivo, dopo la redazione e consegna del precetto e del titolo esecutivo all'Ufficiale Giudiziario, e prima della ricezione a mezzo posta del precetto e del titolo e, quindi, del perfezionamento della notificazione nei suoi confronti.

Nel corso delle succitate sentenze, si è evidenziato che:

- Dopo la consegna all'Ufficiale Giudiziario dell'atto per la notifica, il notificante non è più il dominus del procedimento, e perciò sarebbe irragionevole che ne sopporti le eventuali vicende negative.

- Gli avvocati hanno dichiarato che: "La produzione degli effetti ricollegati alla notificazione è condizionata al perfezionamento del procedimento notificatorio anche per il destinatario e che, ove a favore o a carico di costui la legge preveda termini o adempimenti o comunque conseguenze decorrenti dalla notificazione, gli stessi dovranno comunque calcolarsi o correlarsi al momento in cui la notifica si perfeziona nei suoi confronti".

Da questi due assunti deriva che:

- Le spese inerenti la notificazione del titolo esecutivo e quelle relative alle attività di redazione del precetto e alla sua notificazione sono assistite dalla tutela esecutiva di cui al titolo al quale si riferiscono.

- Il pagamento di quanto dovuto in forza di un titolo esecutivo giudiziale, qualora avvenga prima del perfezionamento della notificazione del precetto e del titolo o dell'uno o dell'altro (se notificati separatamente) rispetto al debitore destinatario, è dovuto da costui; infatti, una volta considerato che per effetto della formazione del titolo giudiziale e della sua esigibilità il debitore è immediatamente tenuto al pagamento, e che non è previsto un onere di avviso a carico del creditore procedente circa l'inizio delle attività che portano all'adempimento dell'onere di notifica del titolo esecutivo e del precetto, le spese concernenti tali attività sono da considerare automaticamente causate dal comportamento del debitore di inadempienza a quanto stabilito nel titolo.

È opportuno precisare che i principi qui affermati sono enunciati per il caso in cui si compiano attività funzionali all'inizio dell'esecuzione forzata sulla base di titoli esecutivi giudiziali.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...

Ok alle dichiarazioni rese da teste non individuato

del 21/09/2010

La Corte di cassazione ha legittimato l'operato dei giudici di appello che hanno ammesso la condanna...