Consulenza o Preventivo Gratuito

Bonus bebè: quali sono e come funzionano gli incentivi alla natalità

del 16/11/2015

Bonus bebè: quali sono e come funzionano gli incentivi alla natalità

La recente Legge di Stabilità presentata dal governo del premier Matteo Renzi ha confermato la presenza del bonus bebè 2016. Vediamo in cosa consiste il bonus erogato e come accedere al bonus 2015 e 2016.

Bonus bebè 2015: ancora validi i termini di presentazione

Per quanto riguarda il bonus bebè 2015 (detto anche assegno di natalità), il termine per la richiesta non è ancora scaduto. Possono effettuare richiesta di accesso al bonus tutti coloro che sono diventati genitori nel corso del 2015. I requisiti necessari per l'accesso al bonus bebè sono i seguenti:

·  essere cittadino italiano, comunitario o essere in possesso di un permesso di soggiorno 

·  avere un ISEE famigliare complessivo inferiore ai 25.000 euro annui 

·  essere convivente con il figlio per il quale si richiede il bonus

L'importo del bonus bebè 2015 varia a seconda del valore dell'ISEE. Nel caso in cui esso sia inferiore ai 7.000 euro, il bonus corrisposto è paria 1.920 euro, riconosciuti in rate mensili da 160 euro. L'importo è invece dimezzato per tutti coloro che hanno un ISEE superiore i 7.000 euro ma inferiore ala soglia massima richiesta. Esso corrisponde quindi al cosiddetto bonus bebè 80 euro, in quanto questa è l'importo mensile riconosciuto (per un totale di 960 euro annui). Il bonus può essere erogato una sola volta per ogni figlio. La domanda di richiesta del bonus deve essere presentata solo attraverso lo sportello telematico dell'INPS, a cui tutti i cittadini possono accedere previa registrazione. Per la registrazione è necessario compilare il modulo bonus bebè online e attendere la successiva ricezione di parte del PIN di accesso che viene inviato dall'ente tramite posta.

Bonus bebè 2016: le novità per il prossimo anno

Per quanto riguarda l'accesso al bonus bebè 2016, il Governo in fase di presentazione della Legge di Stabilità ha di fatto confermato le norme previste per il bonus nel 2015. Il bonus infatti avrà scadenza 2017 per i nati nel triennio 2015 - 2017, con le medesime modalità di erogazione già utilizzate per l'anno in corso.

La Legge di Stabilità 2016 ha confermato l'erogazione del bonus non solo per i bambini nati nell'anno in corso (e fino al 2017) ma anche per tutti quelli che vengono adottati, senza limite di età.

Si tenga presente che la richiesta del bonus deve essere effettuata entro i 90 giorni dalla nascita (o dall'adozione) del bambino. Visto che l'emissione del PIN di accesso necessario per la richiesta non avviene in automatico (sono necessari alcuni giorni), si consiglia di effettuare la domanda quanto prima, per non rischiare di perdere l'agevolazione prevista.  


vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Separazione dei coniugi: il diritto di visita dei nonni

del 08/07/2010

Una delle innovazioni più importanti dell’ultima riforma del diritto di famiglia è rappresentata da...

Mantenimento del figlio e paternità presunta

del 22/09/2010

Una madre ha diritto al rimborso per le spese di mantenimento del figlio anche se ha richiesto al Tr...

Mantenimento del figlio naturale in affido condiviso

del 05/11/2010

Il mantenimento del figlio naturale affidato congiuntamente ad entrambi i genitori spetta comunque i...