Consulenza o Preventivo Gratuito

Separazione: quanto verso per mio figlio?

del 06/10/2015

Contatta | Studio Legale Avvocato Monica Mores
Via Enrico Fermi 27 Curno 24035 Curno (BG)

L’assegno per il figlio, ex art. 337 ter c.c., è calcolato considerando le sue attuali esigenze, il tenore di vita, il tempo di permanenza presso ciascun genitore, le risorse economiche dei genitori, la valenza economica dei compiti domestici e di cura assunti da ogni genitore.

Dare un valore a quanto espresso nella norma non è facile.

In aiuto, intervengono precedenti giurisprudenziali, Modelli di Calcolo dell’assegno di Mantenimento (MoCAM) e schemi elaborati da alcuni Tribunali.

Rispetto a metodi un po’ complicati, vi è quello predisposto dal Tribunale di Monza che, in maniera semplice, fornisce una valida linea guida di calcolo.

Nello specifico, individua che, nel caso in cui il figlio viva con la madre alla quale sia stata assegnata la casa coniugale, l’assegno per un figlio dovrebbe essere pari al 25% circa del reddito; in presenza di due figli, il 40% circa del reddito, mentre nel caso in cui i figli siano tre, l’assegno è il 50% del reddito.

Questi dati, seppur non vincolanti, possono essere utilmente considerati al fine di giungere a una quantificazione dell’assegno.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Separazione dei coniugi: il diritto di visita dei nonni

del 08/07/2010

Una delle innovazioni più importanti dell’ultima riforma del diritto di famiglia è rappresentata da...

Corrispondenza riservata

del 19/07/2010

Tribunale di Monza - Giudice Monocratico Pastore - 07/10/09 - ART. 616 C.P. Non è rilevante penalm...

Le crisi coniugali nelle unioni di lunga durata

del 23/07/2010

Da ricerche Istat presso le cancellerie dei 165 tribunali civili italiani, su 1000 matrimoni 286 fin...