Consulenza o Preventivo Gratuito

BCE rafforzamento del quantitativo easing

del 27/09/2015

Secondo quanto indicato dal Presidente della Banca Centrale Europea, si rende necessario rafforzare il “Quantitative easing”, quel pacchetto di misure non convenzionali introdotto dalla Banca centrale europea all’inizio di quest’anno. 

Prendendo atto della presenza di “nuovi rischi al ribasso" per la crescita e l'inflazione, si è ritenuto doveroso rivedere al ribasso le stime. Dunque, per l’anno in corso la crescita del Pil della zona euro dovrebbe essere dell'1,4%, per il 2016 salirà all'1,7% e all'1,8% nel 2017. Con riferimento poi alla revisione del “Quantitative easing”, il limite della quantità di un'emissione di titoli di Stato acquistabile dalla Banca centrale europea salirebbe dal 25% al 33%.

L’obiettivo primario della Banca Centrale Europea è sempre quello di dare un maggiore sostegno alla crescita economica dell’area dell’euro, spingendo altresì l’inflazione verso l’obiettivo del 2%.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Detengo un immobile in Francia per uso personale e che non viene quindi locato a terzi. Come devo comportarmi nella redazione del Modello Unico?

Dott.ssa Paola Saldi del 07/05/2012

Il possesso di un immobile all’estero obbliga alla compilazione del modulo RW all’interno del Modell...

Cosa succederebbe se in Italia tornasse la lira?

Dott. Filippo Boni del 14/12/2011

Nel corso delle ultime settimane, dominate dai forti timori per lo spread tra gli italici "BTP" e i...

Le nuove imposte sulle ricchezze all'estero

Dott. Massimo Gazzani del 20/12/2011

Molti sono gli elementi patrimoniali introdotti con l’approvazione della manovra di Natale contenuta...