CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Cosa succederebbe se in Italia tornasse la lira?

Cosa succederebbe se in Italia tornasse la lira?
Nel corso delle ultime settimane, dominate dai forti timori per lo spread tra gli italici "BTP" e i teutonici “bund”, è stato da più parti suggerito come una delle medicine per alleviare gli effetti della crisi potesse essere una "secessione" dall'unione monetaria. 
Ai nostalgici della lira va, però, preliminarmente ricordato come i trattati siglati tra i paesi dell'Unione europea non prevedano, allo stato attuale, la possibilità di abbandonare la moneta unica; in particolare, il recente trattato di Lisbona, entrato in vigore il 1° dicembre 2009, nonostante consenta il recesso dall'Unione europea, non prevede alcuna disciplina relativa alla sola uscita dall'euro.
Oltre a queste brevi considerazioni di carattere strettamente burocratico, vanno tenute bene in considerazione le conseguenze che potrebbero generarsi qualora ad abbandonare la moneta unica fosse un paese con un'economia fragile come, attualmente, è quella italiana.
Dal un punto di vista operativo, un break-up dall’euro, sia esso unilaterale o concordato, sia che esso coinvolga un paese marginale o uno centrale, richiederebbe lo stato d’eccezione con una sospensione temporanea del mercato.
Occorrerebbe, pertanto, impedire l’assalto agli sportelli e la fuga dei capitali, bloccare gli scambi di merci e di titoli, fintanto che non venga definito con certezza il valore ufficiale della nuova moneta, al fine di assicurarsi la sufficiente circolazione di banconote e pezzi metallici.
I sostenitori della “riesumazione” del vecchio conio sostengono che i principali vantaggi dell'abbandono dell'euro consisterebbero:

  1. in primo luogo, in un ritorno a protagonista della Banca d'Italia, la quale tornerebbe a dettare autonomamente le politiche monetarie del paese, senza più dipendere dalle bizze dei tecnocrati di Bruxelles;
  2. in secondo luogo, il nostro paese potrebbe decidere liberamente se e quando svalutare la moneta, cosa che potrebbe essere assai utile all’export.
Uno studio di UBS delinea, invece, quelli che potrebbero essere i "disagi" di un ritorno alla lira.
Innanzitutto, le prime problematiche sorgerebbero in ordine alla scelta da operare nei confronti del debito pubblico, dovendo lo Stato decidere se lasciarlo in euro o convertirlo nella moneta nazionale. Nel primo caso, a causa dell’uscita dall’euro il paese vedrebbe distrutto il proprio commercio estero non riuscendo, così, ad ottenere valuta estera (l’euro), l’Italia non sarebbe in grado di finanziare il debito pubblico: di qui il default.
Nel caso, invece, in cui decida di convertire il proprio debito in valuta nazionale, tale scelta potrebbe essere interpretata negativamente dagli investitori, in quanto segno di difficoltà nel ripagare i propri debiti. Tutto ciò, comporterebbe un notevole aumento del tasso d’interesse sui debiti verso gli altri paesi europei, tale da decretare il default.
Per i Paesi più deboli e indebitati come l'Italia, inoltre, un ritorno alla moneta nazionale comporterebbe una svalutazione ipotizzata fino al 60% rispetto al blocco euro. Con crollo degli investimenti transfrontalieri, ripristino dei controlli sui movimenti di capitale, forte perdita di fiducia all’interno del sistema finanziario, enormi ostacoli tecnici e legali.
Non solo, si avrebbe un’economia in piena deflazione, una caduta delle entrate fiscali e una conseguente impennata del deficit pubblico.
E ancora, le aziende avrebbero difficoltà a ripagare i propri debiti in valuta estera a causa del forte deprezzamento del cambio successivo all’uscita del Paese, in quanto ciò comporterebbe la necessità di avere più unità di valuta nazionale per acquistare una unità di valuta estera.
Qui, poi, ci sarebbero altri problemi, tra i quali: possibile uscita dall’Unione europea con conseguente perdita di benessere sociale derivante da politiche protezionistiche, collasso del sistema bancario interno, disordini civili e altri drammatici scenari connessi.
L'elaborazione di UBS si configura come un mero esercizio teorico di politica monetaria e valutaria, che necessiterebbe di maggiori analisi ed approfondimenti; in ogni caso, pare assai improbabile che una crisi profonda come quella attuale possa essere attenuata, se non addirittura risolta, attraverso la reintroduzione della lira.
Ritengo, pertanto, che cercare una soluzione semplicemente finanziaria a un problema economico reale, come quello che stiamo vivendo attualmente, non potrà mai dare buoni frutti, sia con l’euro che con la lira.

Dott. Filippo Boni

COMMENTI

piero
08/01/2012 09:21:55
tutto quello citato in questo articolo puo accadere anche con l"euro! quando i governi,guarda anche quet"ultimo,impoverisce il cittadino con mille tasse, il sistema salta. non consuma e quindi non si produce! l"unica strada percorribile è crescere, fare pil. il nostro modello di società è costruito cosi. il resto è aria fritta!! altri paesi in questo mondo non hanno l"euro eppure, vivono cme noi anche meglio! non ascoltate i banchieri fanno solo i loro interessi e fanno i catastrofisti!! ma la crisi non è venuta dai mercati finanziari e dalla moneta unica?? parliamo anche della costruzione dell"euro, senza politiche fiscali e quant"altro!! è stato un grande errore l"avventura dell"euro,pochi hanno guadagnato tanto e molti sono in miseria!!
leonardo
27/04/2012 11:05:37
se l'Italia uscisse dall'euro si verificherebbe tutto ciò che il Dott. Boni ha giustamente prospettato. Ma se uscissero tutti i paesi dall'euro zona io credo che l'europa potrebbe crescere e soprattutto l'Italia visto che oggi ha toccato il FONDO. Svalutando la lira =aumento debito pubblico certo ma anche PIL ossia CRESCITA!!!!!
Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Consulenti del Lavoro

Chiomento Donatella

via Cavalli, 30
10138 Torino (TO)
Tel. 0114332231 - Fax. 0114474888

info@studiochiomento.it - www.studiochiomento.it

IN EVIDENZA
Rapporto di lavoro, Assenze e Permessi - Rapporto di lavoro, Riorganizzazioni aziendali, Contributi e ritenute, Conciliazione e mediazione, Formazione e consulenza, CTP, Coaching
Geometri

SV Studio Tecnico

Via della Repubblica, 21
20093 Fz. S.Maurizio al Lambro - Cologno Monzese (MI)
Tel. 02/26.70.22.40 - Fax. 02/25.13.44.76

svstudiotecnico@libero.it - www.svstudiotecnico.it

IN EVIDENZA
Progettazione architettonica di edifici residenziali, Pratiche edilizie, Costruzioni edilizie, Cantieri, Barriere architettoniche, Catasto e Conservatoria, Consulenze civilistiche, Impianti ed Energia, Energie rinnovabili
Commercialisti

Studio Di Sacco

Piazza dei Caduti, 10
56021 Cascina (PI)
Tel. 050700817 - Fax. 050703683

disacco@tin.it







CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

ULTIME NEWS

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 30/09/2014
Semaforo giallo, scatta la multa

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 29/09/2014
Se manca avviso bonario nulla la cartella

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 26/09/2014
Pensioni italiane adeguate alla crisi

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 24/09/2014
TASI a ottobre

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 24/09/2014
Isee automatico

[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Aggiornato al 23/09/2014
Rapporto Debito/PIL secondo Istat


FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio
La redazione è offline