Consulenza o Preventivo Gratuito

In caso di separazione il padre deve contribuire alle spese straordinarie per i figli, anche se non previamente concordate?

del 14/09/2015

Contatta | Avv. Anna Maria Ghigna e Avv. Simone Campi
Corso Strada Nuova 128 Pavia 27100 Pavia (PV)

In una recente pronuncia, la Corte di Cassazione ha affermato il principio secondo cui il coniuge non affidatario deve contribuire al pagamento delle spese straordinarie per i figli, anche nel caso in cui queste non siano state preventivamente concordate. L’interesse prioritario del figlio ha carattere prevalente, sempre che si tratti di cosa utile e che le spese siano proporzionate al tenore di vita.

Lo ha deciso la Cassazione, con l’ordinanza n. 16175 del 30 luglio 2015, rigettando il ricorso di un padre che si era rifiutato di pagare il 50% delle spese straordinarie richieste per la cameretta nuova della figlia e lo stage all’estero per imparare l’inglese, sulla scorta dell’affermazione che si trattava di spese non previamente concordate. Opponendosi al decreto ingiuntivo emesso dal giudice di pace che gli ordinava di pagare all’ex moglie, quale rimborso del 50% per le spese sostenute per la figlia, il genitore non affidatario lamentava che gli esborsi non erano né urgenti né indifferibili e, soprattutto, non erano stati concordati preventivamente. Vedendo respinta prima l’opposizione dal giudice di pace e poi l’appello dal Tribunale, il padre decideva di ricorrere per Cassazione.

La Suprema Corte, richiamando un recente orientamento (cfr. Cass. n. 19607/2011), ha ribadito che “non è configurabile a carico del coniuge affidatario o collocatario un obbligo di informazione e di concertazione preventiva con l'altro, in ordine alla determinazione delle spese straordinarie, compatibili con i mezzi economici di cui i genitori dispongono trattandosi di decisione ‘di maggiore interesse’ per il figlio, e sussistendo, pertanto, a carico del coniuge non affidatario un obbligo di rimborso qualora non abbia tempestivamente addotto validi motivi di dissenso”.

Quindi, se il coniuge si rifiuta di provvedere al rimborso dovuto, spetterà al giudice dover verificare “la rispondenza delle spese all'interesse del minore mediante la valutazione – ad esso riservata - della commisurazione dell'entità della spesa rispetto all'utilità per il minore e della sostenibilità della spesa stessa rapportata alle condizioni economiche dei genitori”.

E poiché, secondo il giudizio della Corte, questa verifica da parte del giudice del merito era stata adeguatamente effettuata, il ricorso del padre è stato respinto con condanna di questi anche al pagamento delle spese di giudizio.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Separazione dei coniugi: il diritto di visita dei nonni

del 08/07/2010

Una delle innovazioni più importanti dell’ultima riforma del diritto di famiglia è rappresentata da...

Corrispondenza riservata

del 19/07/2010

Tribunale di Monza - Giudice Monocratico Pastore - 07/10/09 - ART. 616 C.P. Non è rilevante penalm...

Le crisi coniugali nelle unioni di lunga durata

del 23/07/2010

Da ricerche Istat presso le cancellerie dei 165 tribunali civili italiani, su 1000 matrimoni 286 fin...