Consulenza o Preventivo Gratuito

Possibile riesame della domanda bonus bebè

del 07/09/2015

Secondo il comunicato n. 5145/2015 dell’INPS, le famiglie che hanno presentato domanda per ottenere l’assegno di natalità (c.d. bonus bebè) con esito negativo, hanno ancora una possibilità per assicurarsi l’agevolazione. In tali casi, infatti, qualora l’istanza è stata respinta in quanto “non è stato reperito un ISEE valido”, oppure “dalla dichiarazione ISEE non risulta convivente con il figlio per il quale è richiesto l’assegno”, è prevista, su istanza del richiedente, la possibilità di riesame della domanda respinta presso la Sede competente che avrà cura di effettuare tutte le verifiche necessarie alla definizione della domanda stessa.

Nel caso in cui il riesame si concluda con un provvedimento di accoglimento, l’assegno verrà corrisposto con tutte le mensilità arretrate spettanti.

Il sostegno economico, riservato alle famiglie che avranno un bambino (sia nato con parto naturale che adottato), deriva dall’ultima Manovra Finanziaria (art. 1, co. 125-129 della L. n. 190/2014). Tale norma, in particolare, ha l’obiettivo di incentivare la natalità e contribuire alle spese che le famiglie devono sostenere per il mantenimento del proprio figlio.

L’erogazione avrà cadenza mensile e decorre dal giorno di nascita o di ingresso nel nucleo familiare a seguito dell'adozione e fino al compimento del terzo anno di età oppure fino al terzo anno dall'ingresso nel nucleo familiare a seguito dell'adozione.

L’agevolazione è operativa dal 1° gennaio 2015 e vale fino al 31 dicembre 2017. Nel caso in cui il figlio sia stato adottato nel triennio “2015-2017”, ma sia entrato in famiglia a titolo di affidamento preadottivo in data antecedente al 1° gennaio 2015, l’assegno spetta per un triennio a decorrere dal 1° gennaio 2015.

L’utente che si è visto respingere la domanda e intende chiedere il riesame della stessa può farlo accedendo con il PIN dispositivo sul sito dell’INPS (www.inps.it) alla stessa procedura di invio delle domande; qui è a disposizione degli utenti la funzione di comunicazione delle variazioni delle domande già inviate (ad esempio, variazione o correzione del codice iban, variazione della modalità di pagamento, variazione di recapiti eccetera).

Con riferimento alle domande da istruire, l’INPS comunica che a breve verrà implementata la procedura di gestione dell’assegno di natalità nell’ambito delle informazioni già presenti sullo “stato della domanda”. In particolare, saranno visualizzabili i motivi per i quali è necessario un approfondimento istruttorio (ad esempio, permesso di soggiorno non trovato, evento adozione).


vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Separazione dei coniugi: il diritto di visita dei nonni

del 08/07/2010

Una delle innovazioni più importanti dell’ultima riforma del diritto di famiglia è rappresentata da...

Mantenimento del figlio e paternità presunta

del 22/09/2010

Una madre ha diritto al rimborso per le spese di mantenimento del figlio anche se ha richiesto al Tr...

Mantenimento del figlio naturale in affido condiviso

del 05/11/2010

Il mantenimento del figlio naturale affidato congiuntamente ad entrambi i genitori spetta comunque i...