Consulenza o Preventivo Gratuito

Può la vita privata del testimonial incidere sul contratto di sponsorizzazione?

del 03/09/2015

Nei contratti di sponsorizzazione stipulati tra sponsor e sportivi, gli atteggiamenti della vita privata di questi ultimi (c.d. testimonial), ancorché contestabili da un punto di vista sociale, non possono essere causa di risoluzione del contratto di sponsorizzazione. In tal senso, il Tribunale di Milano ha recentemente statuito che l’impegno che assume lo sportivo testimonial a comportarsi, per tutta la durata del contratto, in modo tale da non causare alcun danno alla sua immagine e reputazione, deve riferirsi solamente all’ambito professionale.

Possono, quindi, essere motivo di risoluzione anticipata del contratto una squalifica per doping o per frode sportiva, piuttosto che l’aver tenuto gravi condotte antisportive sul campo o l’aver violato gli impegni professionali; mentre non hanno alcuna rilevanza contrattuale eventuali atteggiamenti attinenti alla vita privata del testimonial, alla sua sfera sessuale, alle sue idee politiche o al credo religioso, che pertanto non possono essere motivo di anticipata risoluzione da parte degli sponsor.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
La grande crisi delle vendite al dettaglio

del 26/07/2010

A Maggio sono calate le vendite al dettaglio sia della grande che della piccola distribuzione. A fa...

Aumentano le possibilità di staff-leasing

del 08/11/2010

La finanziaria 2010 ha aggiunto alle tipologie di lavori gestibili in ‘affitto’ l'ipotesi dei serviz...

La disciplina fiscale del Trust

del 28/12/2010

"Il trust si sostanzia in un negozio giuridico fondato sul rapporto di fiducia tra disponente (settl...