Consulenza o Preventivo Gratuito

Jobs Act: offerta di conciliazione in caso di licenziamento

del 18/08/2015

Come precisato nella nota direttoriale del 22 luglio 2015 del Ministero del Lavoro sulla procedura introdotta dall’articolo 6 del decreto 23/2015, comunicare l’offerta di conciliazione in caso di licenziamento di un dipendente (come previsto dal decreto attuativo del Jobs Act sul contratto a tutele crescenti) è obbligatorio solo se è l’impresa che propone l’accordo.

L’offerta di conciliazione dell’impresa al dipendente licenziato consta di un indennizzo pari a una mensilità per ogni anno di servizio, con un minimo di 2 e un massimo di 18. La comunicazione della proposta economica va effettuata entro 65 giorni, tramite procedura “UNILAV – Conciliazione”, attiva dal primo giugno sul portale Cliclavoro, nella sezione “adempimenti”.

Se il datore di lavoro utilizza questa offerta di conciliazione, quale che sia l’esito, è tenuto a una ulteriore comunicazione obbligatoria, che si aggiunge a quella normale relativa al termine del rapporto di lavoro. Va rispettata una precisa procedura, spiegata nell’articolo 6 del dlgs 23/2015. Nel momento in cui il lavoratore accetta l’assegno, rinuncia a impugnare il licenziamento. Il risarcimento, nei termini sopra indicati, è fiscalmente agevolato (non costituisce reddito imponibile e non è assoggettato a contributi previdenziali), mentre qualsiasi somma aggiuntiva pattuita, anche nell’ambito dello stesso accordo, è soggetta alla normale tassazione.

La procedura di comunicazione obbligatoria è dettaglia nella nota operativa del 27 maggio, con cui il ministero aveva chiarito che si utilizza l’apposita applicazione (UNILAV – Conciliazione) sul portale Cliclavoro. Ora si forniscono ulteriori chiarimenti, in particolare il Ministero specifica che la comunicazione è obbligatoria solo nel caso in cui la procedura di conciliazione si attivi. In questo caso, bisogna effettuare la comunicazione anche se alla fine il lavoratore non accetta, ma se l’impresa non aveva nemmeno avanzato la proposta di conciliazione non è necessaria alcuna comunicazione.

Altro chiarimento sulle agenzie per il lavoro, che in caso di risoluzione del rapporto di lavoro sono tenute alle stessa procedura prevista per gli altri datori di lavoro: quindi se effettuano l’offerta di conciliazione, devono compilare la comunicazione obbligatoria.

Infine, il Ministero specifica che non è necessaria alcuna comunicazione nel caso in cui il rapporto di lavoro si risolva durante il periodo di prova.

Il mancato rispetto degli obblighi di comunicazione comporta l’applicazione di sanzioni, da 100 a 500 euro per ogni lavoratore.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Indennità di maternità al padre

del 06/09/2010

Cattive notizie per i padri di famiglia liberi professionisti che non potranno percepire l’indennità...

Lavoratori disabili: retribuzione anche durante accertamenti medici

del 22/09/2010

Quando un lavoratore con diversa abilità viene sospeso dal lavoro per accertamenti medici circa la s...

Incidenti sul lavoro: ne risponde il Cda

del 05/11/2010

Se a causa della mancata applicazione delle opportune misure di sicurezza ricorrono nel tempo gli in...