Consulenza o Preventivo Gratuito

Secondo pacchetto di riforme per la Grecia

del 22/07/2015

E' cominciata l’analisi nelle commissioni del parlamento greco del secondo pacchetto di riforme concordato dalla Grecia con l'eurozona per sbloccare in terzo salvataggio in cinque anni. Il voto dell'aula è atteso in tarda serata e rappresenta una nuova sfida per il governo di Alexis Tsipras, il cui partito di sinistra Syriza si è spaccato una settimana fa in occasione della votazione sul primo pacchetto di riforme urgenti, approvato a larghissima maggioranza grazie al sostegno dei deputati d'opposizione.

La seconda tranche di riforma è meno controversa della prima, che conteneva modifiche radicali alle norme su pensioni, tasse e lavoro, e il governo conta su un numero minore di dissidenti rispetto a una settimana fa. Dopo il voto di oggi Tsipras cercherà di capire se può ricucire lo strappo interno ed evitare il ricorso ad elezioni anticipate. All'esame del parlamento l'ok a una direttiva europea che prevede una garanzia fino a 100mila euro sui depositi bancari e una riforma della giustizia civile mirata ad accelerare i tempi della giustizia riducendone i costi. In cambio, potranno partire i negoziati su un pacchetto di aiuti di Ue, Bce e Fmi fino a 86 miliardi di euro in tre anni.

Ieri la Grecia ha ricevuto un aiuto da Standard & Poors, che ha aumentato il rating di Atene di due gradini, a CCC+ da CCC-, ancora in area spazzatura, ma sulla strada giusta. Secondo l'agenzia lo scenario di un default greco non è più inevitabile e le chance di uscita della Grecia dalle euro sono diminuite, pur restando elevate.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Grecia, piano di bailout in preparazione

Fabio Ferrara, commercialista del 09/07/2015

Per la prima volta il Consiglio ha aperto all'ipotesi di un "ragionevole" alleggerimento del debit...

Regolamento Ue sul livello emissioni dei veicoli commerciali leggeri

del 30/12/2010

Il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea ha approvato un regolamento che definisc...

La banca è responsabile se non informa sui rischi dell'investimento

Avv. Silvia Savigni del 10/05/2012

Una recente sentenza della Corte di Cassazione (sentenza n. 6142 del 19/04/2012) conferma la respons...