Consulenza o Preventivo Gratuito

Si innalzerà il limite all'uso del contante?

del 16/06/2015

Si innalzerà il limite all'uso del contante?

Era una delle misure più famose del Governo Monti: pagamenti in contanti fino a mille euro.

Con alcune eccezioni, tuttavia: ve ne avevamo parlato lo scorso mese in riferimento agli stranieri non europei.

Ma le modifiche sono all’orizzonte anche per questo baluardo della tracciabilità. A breve la soglia potrebbe essere ritoccata al rialzo.

Verso quota 3.000 euro

Non è una delle tante dichiarazioni politiche quotidiane, ma una proposta di legge allo studio che vuole innalzare il limite per i pagamenti in contanti a tremila euro.

Alcuni dei sostenitori di questa proposta rilevano la sproporzione tra quanto avviene in Italia, con la limitazione dei pagamenti in contanti a mille euro, rispetto agli altri paesi europei, anche confinanti.

Un esempio per tutti: nella vicina Austria, addirittura, non esiste limite al pagamento in contanti.

Non a caso, puntando sull’effetto “depressivo” sui consumi, le associazioni dei commercianti si erano schierate già da tempo contro questa misura, avendone ottenuto finora solo la rimozione per gli acquisti riguardanti cittadini non comunitari (russi in primis).

Contanti ed evasione fiscale

La questione è delicata. Come si ricorderà, la limitazione del contante a mille euro era stata introdotta per far fronte all’evasione fiscale, che di contante vive, e rendere tracciabili i pagamenti più cospicui.

Ma fra la teoria e la realtà c’è un margine spesso notevole: secondo i dati presentati da una ricerca recente, condotta dalla CGIA di Mestre, questa strategia non avrebbe avuto notevoli effetti sulla lotta all'evasione fiscale.

Anzi: la disponibilità di contante in circolazione, nonostante la restrizione imposta, sarebbe cresciuta.

Sempre secondo l'associazione veneta, la ragione va ricercata nella totale assenza di rapporti con le banche da parte di milioni di cittadini: in Italia, il numero di possessori di carte di pagamento e libretti di assegni è molto limitato.

Si pensi agli anziani: in taluni casi, sempre secondo la CGIA,  si preferirebbe custodire ancora il denaro in casa, piuttosto che affidarlo agli istituti bancari.

Ma in Europa come funzione?

Alzare l’asticella a quota 3000 euro riporterebbe il nostro Paese a un livello paragonabile a quello degli altri Stati membri: qui, dove presente, il limite al contante è sempre più elevato.

In Grecia la soglia è 1.550 euro, in Spagna 2.500 e in Belgio e Francia si tocca quota 3000.

Fa eccezione il Portogallo, dove vige il limite dei 1.000 euro come qui da noi.

Ma tanti, come la già citata Austria, non pongono alcun limite. Allora che fare? Ripensarci un attimo, è un buon punto di partenza.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
STUDI COMPETENTI IN MATERIA
SULLO STESSO ARGOMENTO
Grecia, piano di bailout in preparazione

Fabio Ferrara, commercialista del 09/07/2015

Per la prima volta il Consiglio ha aperto all'ipotesi di un "ragionevole" alleggerimento del debit...

Regolamento Ue sul livello emissioni dei veicoli commerciali leggeri

del 30/12/2010

Il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea ha approvato un regolamento che definisc...

La banca è responsabile se non informa sui rischi dell'investimento

Avv. Silvia Savigni del 10/05/2012

Una recente sentenza della Corte di Cassazione (sentenza n. 6142 del 19/04/2012) conferma la respons...