Consulenza o Preventivo Gratuito

Successioni semplificate con certificato Ue

del 18/11/2014

Dal 17 agosto 2015 le successioni potranno avere un iter molto più snello. E' l'obiettivo dell'Unione europea, che a tale scopo ha deciso che verrà emesso un certificato unico con cui identificare l'erede o l'esecutore testamentario in tutto il territorio dell'Ue.

Qui in Italia a rilasciare il documento saranno i notai abilitati all'emissione, come stabilisce la legge europea che anche la nostra Camera dei Deputati ha approvato il 21 ottobre. Una volta in possesso del certificato, l'erede o esecutore testamentario potrà esercitare i diritti legati all'eredità anche qualora i beni interessati siano all'estero, senza bisogno di produrre alte dichiarazioni o certificazioni. Sebbene non rappresenti un titolo esecutivo, il certificato Ue per le successioni varrà come prova dei diritti di chi lo presenterà. Questo, fino a prova contraria, ovvero fino all'eventuale contestazione del diritto stesso (basti pensare alle dispute fra più eredi).

L'emissione del nuovo documento non avrà validità retroattiva e pertanto non potrà interessare le successioni avviate prima dell'agosto prossimo. Non è ancora possibile richiedere i moduli per la certificazione e avviare l'iter: per conoscere le modalità esatte di richiesta bisognerà attendere i prossimi mesi. Inoltre, anche dopo l'entrata in vigore della certificazione europea, gli eredi avranno la possibilità di fare riferimento ancora alla legge in vigore nello stato competente per i beni oggetto della successione. In tal caso non ci sarà bisogno di richiedere il certificato Ue e si continueranno a far valere regole diverse a seconda del paese di appartenenza.

La situazione potrebbe complicarsi in caso di posizioni discordanti fra i vari eredi. E' quindi consigliato redigere un documento che attesti la volontà di tutte le parti in causa di rifarsi alle normative di quel determinato stato, con conseguente precisazione dell'autorità o del foro competente. Come sancito dalla legge europea, il documento avrà una validità di sei mesi e dovrà presentare tutti i dati necessari: le generalità del richiedente, del defunto e di tutti i beneficiari dell'eredità e le informazioni sui vincoli matrimoniali o affettivi del defunto e sulle disposizioni testamentarie, laddove presenti. Tutti i campi dovranno essere riempiti con la massima completezza, così da scongiurare eventuali dispute legali fra gli aventi diritto all'eredità.

L'auspicio è che un percorso così delicato come quello delle successioni possa diventare più semplice e veloce, nella tutela dei diritti dei vivi e delle volontà dei defunti.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Imposta di registro più leggera su successioni e atti plurimi

Dott. Fabrizio Ferrari del 27/10/2011

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente fornito alcuni importanti chiarimenti in merito alle modalit...

Diritto del padre al congedo

Rag. Maurizio Cason Villa del 22/02/2012

Con una sentenza dello scorso 9 febbraio 2012 viene riconosciuto al padre il diritto di usufruire d...