Consulenza o Preventivo Gratuito

Rivalutazione delle retribuzioni convenzionali Inail

del 05/09/2014

Rivalutazione delle retribuzioni convenzionali Inail

Secondo quanto riportato dall’INAIL, sono stati aggiornati i minimali di retribuzione imponibile per le retribuzioni convenzionali e di ragguaglio. In particolare sono state rivalutate le prestazioni economiche erogate dall’INAIL nel settore industriale con decorrenza 1° luglio 2014 con il minimale e il massimale di rendita portati rispettivamente a 16.163,70 euro e 30.018,30 euro. Sulla base di tali importi sono stati aggiornati anche i limiti di retribuzione imponibile per il calcolo dei premi assicurativi, da variare secondo la rivalutazione delle rendite.

I minimali retributivi giornalieri della retribuzione di ragguaglio sono pari a 53,88 euro e quelli mensili a 1.346,98 euro. Essendo identico il criterio di calcolo (dividere per 300 il massimale ovvero il minimale di rendita per avere il giornaliero), gli stessi valori, rispettivamente giornaliero e mensile, sono propri delle retribuzioni dei detenuti e internati, degli allievi dei corsi di istruzioni professionale, dei lavoratori impegnati in lavori socialmente utili e di pubblica utilità, dei lavoratori impegnati in tirocini formativi e di orientamento, dei lavoratori sospesi dal lavoro utilizzati in progetti o riqualificazione professionale.

A essere interessati dalla rivalutazione sono anche i lavoratori dell’area dirigenziale senza e con contratto parziale (nel primo caso la retribuzione convenzionale giornale è pari a 100.06 euro e quella mensile 2.501,53 euro, nel secondo caso invece la retribuzione convenzionale orario è di 12,51 euro), i lavoratori parasubordinati compresi quelli occasionali (minimo mensile 1.346,98 euro, massimo mensile 2.501,53 euro) e gli sportivi professionisti dipendenti (minimo annuale 16.163,70 euro, massimo annuale 30.018,30 euro).

Per quanto concerne gli alunni e gli studenti delle scuole o istituti di istruzione di ogni ordine e grado, non statali, addetti a esperienze tecnico–scientifiche o esercitazioni pratiche o di lavoro, dal 1° luglio 2014, la misura del premio annuale a persona aumenta proporzionalmente a € 2,58, quindi l’importo dovuto per la regolazione relativa all’anno scolastico 2013/2014 risulta uguale a € 2,56. Pertanto, in ordine al periodo “gennaio – ottobre 2014”, va applicata un’integrazione di € 0,01 rispetto al premio di € 2,55 già richiesto, di cui si terrà conto nella regolazione dei premi per il suddetto periodo. Ricapitolando, gli importi da applicare per la regolazione del premio 2013/2014 è pari a 2,56 euro, mentre per l’anticipo del premio 2014/2015 l’importo ammonta a 2,58 euro.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Nel Lul ci va la retribuzione reale

Dott. Claudio Zaninotto del 28/12/2011

La risposta all’interpello proposto al Ministero del Lavoro dai colleghi consulenti del lavoro, in c...

Lavoro e stranieri: le ultime novità

Avv. Luca Failla del 02/01/2012

Con diversi provvedimenti sia di matrice nazionale sia di matrice comunitaria il lavoro degli strani...

Ho lavorato per un anno con contratto di collaborazione a progetto, ora l'azienda vorrebbe assumermi come apprendista: è corretto?

Dott. Claudio Zaninotto del 06/02/2012

Dipende. E’ senz’altro corretto se, nell’ipotesi di assunzione con qualifica di apprendista, l’attiv...