Consulenza o Preventivo Gratuito

Case in affitto, nuova ripartizione di spese inquilini-proprietari

del 19/05/2014

Nel momento in cui si stanno riscrivendo le nuove norme per disciplinare in modo definitivo le regole condominiali che entreranno in vigore il prossimo 18 giugno, il mondo delle locazioni è riuscito a trovare un confronto costruttivo circa la nuova tabella delle ripartizioni spese tra proprietari e inquilini. Tale accordo siglato l'8 Maggio tra Confedilizia e i tre sindacati dell'inquilinato (Sicet, Sunia e Uniat) ha messo mano alla tabella cercando di creare uno strumento che possa consentire di trovare la soluzione più adatta ad una serie di problematiche cercando di ridurre drasticamente il contenzioso tra locatori e conduttori di immobili.

Una volta tanto non si è assistito a una burrascosa riunione condominiale, ma a un democratico momento di confronto tra parti contrapposte che ha messo a punto regole condivise per disciplinare la suddivisione delle spese tra inquilini e proprietari, con particolare riguardo al recepimento di nuove normative in materia tecnologica come il cablaggio dei condomini, i sistemi di videosorveglianza e l'installazione di antenne satellitari.

Tale accordo, oltre a ridurre notevolmente il contenzioso in materia, ha fatto finalmente chiarezza su temi di attualità tecnologica aggiornando i contenuti della precedente tabella ferma a più di 15 anni fa.

In sostanza si è deciso, in via di principio, che l’inquilino deve sostenere le spese della manutenzione ordinaria e le piccole riparazioni, le spese per il consumo di energia elettrica, le ispezioni e i collaudi degli impianti di ascensore, di illuminazione, videocitofono e videosorveglianza, ricezione televisiva e flussi informativi, nonché quelle relative all’autoclave, oltre alla carica degli estintori degli impianti antincendio. Dall’altro canto il proprietario è gravato delle spese straordinarie, come l'installazione dei citati nuovi impianti o il loro rifacimento, l'adeguamento degli stessi alle disposizioni di legge, l'acquisto degli estintori e degli impianti antincendio.

Nel caso in cui nel condominio è presente un servizio di portierato le relative spese sono sostenute per il 90% dall’inquilino e per il restante 10% dal proprietario. Per utilizzare la nuova tabella, ed evitare equivoci sulla suddivisione delle spese per i servizi suddetti, basta richiamarla espressamente nel contratto di locazione, citando il relativo numero di registrazione. 

Questo modello di democrazia reale è stato inserito dal Ministero dei lavori pubblici per regolamentare gli accordi di affitti agevolati e aiuterà decine di milioni di persone che, secondo l'Istat, in Italia hanno un contratto di affitto (circa 4,5 milioni di italiani).

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Caldaie e valvole per i termosifoni, cosa cambia?

La redazione del 02/10/2015

Nei giorni scorsi è entrata in vigore la nuova normativa che regola l'utilizzo delle caldaie ad uso...

iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...