Consulenza o Preventivo Gratuito

Assegno divorzile, i nuovi parametri

del 14/11/2013

Con la sentenza 16 ottobre 2013, n. 23442 la Cassazione precisa come sia necessario ai fini di una corretta determinazione dell’assegno divorzile, distinguere tra “ stile di vita” e “tenore di vita”. Con il primo si fa riferimento alle scelte personali di ogni individuo  e può essere inteso  come "l'impronta unica e irripetibile di ogni individuo, costituita dalla risultante di tratti comportamentali, orientamento del pensiero, sentimenti ed emozioni, posti al servizio del fine ultimo perseguito", nel nostro caso attiene alla scelta personale del coniuge di condurre una vita   “semplice o sottotono. Ciò vuol dire che ,pur in presenza di rilevanti potenzialità economiche, un regime familiare può essere infatti improntato a uno stile di rigore ma questa costituisce una scelta che non può annullare le potenzialità di una condizione economica molto agiata. Il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio, invece, fa riferimento all’insieme delle risorse economiche dei coniugi inclusi redditi, capacità di spesa,patrimoni,sostanze di ciascuno dei coniugi, capacità reddituale del coniuge richiedente e di quello onerato, tenore di vita effettivamente goduto in costanza di matrimonio, o, quanto meno potenziale.. Come ulteriore precisazione è doveroso sottolineare che quando si fa riferimento al tenore di vita goduto in costanza di matrimonio, esso va inteso non tanto come la perfetta conservazione della posizione economico patrimoniale goduta da entrambi i coniugi in forza del matrimonio, ma come un criterio di orientamento necessario ad evitare posizioni di squilibrio dopo la separazione. La separazione implica di necessità un peggioramento della situazione economica di entrambi i coniugi, se non altro per l’impossibilità di dividere quelle spese che durante il matrimonio sono sopportate da entrambi, e che, da separati, gravano invece integralmente su ciascuno di essi.
Il concetto di conservazione del tenore di vita deve pertanto essere interpretato come parametro per garantire una posizione di equilibrio nelle differenti situazioni economiche, integranti una sostanziale disparità, dovuta alla separazione.
Uno dei presupposti per il riconoscimento del diritto all'assegno di mantenimento è l’inadeguatezza dei mezzi economici da parte del coniuge “debole”. Ciò significa che il coniuge richiedente l’assegno non riuscirà, con propri mezzi economici, a conservare un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio. Si badi bene che non ci si riferisce allo stato di bisogno dell'avente diritto, (in quel caso si parlerebbe di diritto agli alimenti), perché nel caso di cui si discute, il richiedente l’assegno, può anche essere economicamente autosufficiente.

Tuttavia, precisano gli Ermellini, che la determinazione dell’assegno di mantenimento prescinde dalla scelta dell’avente diritto di voler condurre uno stile di vita “understatement” ovvero moderato o dismesso, perché ciò che rileva sono le “potenzialità economiche” dei coniugi che hanno (o avrebbero) consentito loro di godere di un elevato tenore di vita quando erano sposati.

Stante la natura assistenziale dell’assegno il codice civile stabilisce che, i provvedimenti dettati dal giudice in sede di separazione, possono essere revocati o modificati dal giudice in caso di sopravvenienza di giustificati motivi su istanza di parte quali il mutamento delle condizioni economiche di uno o di entrambi i coniugi intervenute dopo la pronuncia di separazione.
La ratio della disposizione consiste nel salvaguardare l’effettività del principio di solidarietà materiale reciproca tra coniugi, che permane anche in corso di separazione, in modo tale che l’equilibrio economico sia rispettato anche a fronte di nuovi fatti e circostanze idonee ad incidere su di esso, attraverso un nuovo intervento “riequilibratore” del giudice.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Matrimoni gay da oggi legali in Argentina

del 23/07/2010

Oggi a Buenos Aires la Presidente Cristiana Fernandez ha dato il via alla legge che consente il mat...

Assegnazione della casa in caso di divorzio

del 02/08/2010

Ben prima della promulgazione dell’ultima e più importante riforma del diritto di famiglia (Legge 5...

Promessa del coniuge e assegno divorzile

del 08/11/2010

La promessa unilaterale scritta con cui il coniuge che deve versare l’assegno all’ex si impegna a no...