Consulenza o Preventivo Gratuito

Confcommercio, reddito di 25 anni fa, maggiori spese

del 25/09/2013

Un reddito fermo a quello di 25 anni fa ma le cosiddette spese obbligate passano dal 32,2% al 40,5%. È questa la fotografia scattata dalla Confocommercio attraverso l'occhio del suo studio intitolato "Consumi delle famiglie e spese obbligate".

L’Ufficio Studi di Confcommercio, ha preso come periodo di riferimento il decennio 1992-2012. Un lasso di tempo indicativo perché racchiude tutto il periodo in cui è nata ed è cresciuta la crisi in Italia. Le spese cosiddette obbligate che ogni famiglia deve sostenere sono quelle relative alle abitazioni (dunque gli affitti o le rate dei mutui e le bollette), alle tasse e alle imposte da pagare, alle cure sanitarie.

Secondo la ricerca condotta dall'Ufficio Studi questi consumi inevitabili sono aumentati notevolmente e non solo, è anche scesa la percentuale dei beni commerciali acquistati. Tra il 1992 e il 2012 questa è passata da 51,4% al 39,8%. La somma complessiva a cui ammontano mediamente le spese obbligate per le famiglie è di circa 6500 euro. Nel 1992 era di 2700 euro calcolata in base al cambio lira/euro e rapportata al periodo di riferimento.

Di sicuro il primo posto per i costi che maggiormente gravano sui bilanci familiari ce l'ha la casa. Oltre la metà delle spese obbligate, il 58,5%, è infatti destinato alle abitazioni. La mobilità, intesa come costo del carburante e delle assicurazioni per le auto, è al secondo posto con una percentuale del 24,5%. Al terzo posto, con il 10%, ci sono le spese relative alla stipula di protezioni sociali e dunque finanziare, come ad esempio le polizze vita e solo all'ultimo posto troviamo quelle sanitarie che gravano sul budget familiare per il 7%.

L'altro dato importante emerso dallo studio riguarda il reddito medio pro capite. La cifra si attesta attorno ai 17.300 euro e, incredibilmente, è lo stesso reddito medio che si registrava nelle ricerche condotte nel 1986. In più di venticinque anni, dunque, il reddito delle famiglie del nostro Paese non è aumentato.

Questa è una realtà drammatica che rende assolutamente necessario, come sottolinea lo stesso presidente della Confcommercio Carlo Sangalli, il rilancio della ripresa economica e del mercato del lavoro. Secondo Mariano Bella, il direttore del Ufficio Studi, si tratta di un fotografia “che gioca un ruolo fondamentale sia nel definire il quadro di benessere/difficoltà di cui godono le famiglie sia nel delineare gli scenari di sviluppo della spesa”.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Nel Lul ci va la retribuzione reale

Dott. Claudio Zaninotto del 28/12/2011

La risposta all’interpello proposto al Ministero del Lavoro dai colleghi consulenti del lavoro, in c...

Lavoro e stranieri: le ultime novità

Avv. Luca Failla del 02/01/2012

Con diversi provvedimenti sia di matrice nazionale sia di matrice comunitaria il lavoro degli strani...

Ho lavorato per un anno con contratto di collaborazione a progetto, ora l'azienda vorrebbe assumermi come apprendista: è corretto?

Dott. Claudio Zaninotto del 06/02/2012

Dipende. E’ senz’altro corretto se, nell’ipotesi di assunzione con qualifica di apprendista, l’attiv...