Consulenza o Preventivo Gratuito

Unioncamere: allarme lavoro

del 31/07/2013

Nel mercato del lavoro ci saranno più uscite che entrate. Entro il 2013 i lavoratori che perderanno il posto saranno circa un milione a fronte dei 750mila che invece ne troveranno uno. Il saldo totale, dunque, sarà in negativo e, rispetto al 2012, ci saranno inoltre 112mila contratti in meno. Questa è la drammatica stima che Unioncamere insieme con il Ministero del Lavoro fa del settore privato grazie ad uno studio del sistema informativo Excelsior che fornisce ogni anno i dati di previsione sull’andamento del mercato del lavoro e sulla formazione delle imprese basandosi sulle intenzioni di assunzione.

I principali settori in cui si è registrato un saldo positivo di assunzioni è quello delle società che si occupano di esportazioni e sviluppo di innovazioni. Questa potrebbe anche sembrare una buona notizia ma purtroppo non è così. Questi dati infatti vanno controtendenza rispetto agli altri settori in cui si rileva un numero molto più alto di uscite dal mercato del lavoro dovuto ai nuovi pensionati o ai lavoratori licenziati o a coloro che hanno sospeso la propria attività perché non gli è stato rinnovato il contratto a termine. L'occupazione nel nostro Paese è immobile e i dati sono preoccupanti. Al netto dei numeri forniti dalle statistiche ci saranno infatti 250mila i lavoratori che perderanno il posto e che si andranno a sommare al già drammatico quadro totale della condizione occupazionale italiana e ridurranno di un ulteriore punto percentuale il PIL nazionale.

Alla base di questa condizione c'è, ovviamente, la persistente crisi economica che ha travolto il nostro Paese e che sembra destinata a non risolversi. Una crisi che ha colpito soprattutto il Sud per cui si prevede un ulteriore calo dell'occupazione pari a circa il 35%.

Esclusi dunque il comparto delle esportazioni e dello sviluppo delle innovazioni, gli altri registrato tutti valori negativi sul piano occupazionale. Nel settore del commercio al dettaglio si prevede un calo di occupati pari a circa 24.500 lavoratori entro il 2013 e, il settore edile e delle costruzioni, registrerà entro l'anno una diminuzione di 59mila posti di lavoro. Perfino per il settore del turismo che, fino a qualche tempo fa era quello più in buona salute, è prevista una diminuzione di 25.100 unità comprese fra licenziamenti, pensionamenti e cessazione dell'attività. Non molto tempo fa, infatti, è stata proprio la Federalberghi a lanciare un grido d'allarme segnalando un calo del numero dei lavoratori nel primo trimestre del 2013 pari al 4,7% rispetto allo stesso periodo del 2012.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Nel Lul ci va la retribuzione reale

Dott. Claudio Zaninotto del 28/12/2011

La risposta all’interpello proposto al Ministero del Lavoro dai colleghi consulenti del lavoro, in c...

Lavoro e stranieri: le ultime novità

Avv. Luca Failla del 02/01/2012

Con diversi provvedimenti sia di matrice nazionale sia di matrice comunitaria il lavoro degli strani...

Ho lavorato per un anno con contratto di collaborazione a progetto, ora l'azienda vorrebbe assumermi come apprendista: è corretto?

Dott. Claudio Zaninotto del 06/02/2012

Dipende. E’ senz’altro corretto se, nell’ipotesi di assunzione con qualifica di apprendista, l’attiv...