Consulenza o Preventivo Gratuito

Se la sorella ha pretese alimentari

del 26/07/2013

Se la sorella ha pretese alimentari
La Corte della Cassazione con la sentenza 15937 depositata il 19 giugno 2013 ha accolto il ricorso di una donna, quasi sessantenne, sul presupposto che la circostanza relativa al fatto che la pretesa alimentare sia rivolta nei confronti di un fratello non comporta la sua infondatezza, ma solo la determinazione del relativo importo nella misura dello stretto necessario.

In sostanza, tenuto conto di tutte le circostanze del caso, la donna non può essere ritenuta in grado di provvedere al proprio mantenimento, venendosi  a concretare lo stato di bisogno che legittima il suo diritto alimentare nei confronti del fratello.

L’obbligazione alimentare trova fondamento negli artt. 433 e seguenti del codice civile, a norma del quale i parenti, ma anche il donatario, secondo l’ordine individuato, sono chiamati a far fronte allo stato di bisogno del creditore, laddove questi versi nell’impossibilità di provvedere al proprio mantenimento.

Quanto alla misura degli alimenti, essa va determinata in proporzione al bisogno di chi li domanda, non dovendo superare quanto sia necessario per la vita dell’alimentando, avendo tuttavia riguardo alla sua posizione sociale; inoltre, va tenuto conto delle condizioni economiche dell’obbligato.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...

Ok alle dichiarazioni rese da teste non individuato

del 21/09/2010

La Corte di cassazione ha legittimato l'operato dei giudici di appello che hanno ammesso la condanna...