Consulenza o Preventivo Gratuito

Marchi e brevetti

del 22/07/2013

Oggi la titolarità dei marchi e dei brevetti costituisce uno dei maggiori patrimoni delle aziende. E’ possibile tutelare un marchio o un brevetto ideato da un soggetto italiano in Italia e all’Estero. In Italia la legge di riferimento è il codice della proprietà industriale (D.L. n. 30 del 10/02/2005).

Il marchio è un segno distintivo che contraddistingue i prodotti e i servizi che un’impresa produce o commercializza. I requisiti del marchio sono capacità distintiva, novità, originalità, liceità.

Il marchio può essere denominativo (composto da sole parole), figurativo (composta solo da figure, lettere o numeri) oppure misto.

Esistono, inoltre, alcuni tipi particolari di marchio come il marchio di forma, marchio di colore e il marchio di suono. La registrazione del marchio consente al titolare la facoltà di far uso esclusivo del marchio per 10 anni dalla data di primo deposito, con possibilità di rinnovo. Generalmente la domanda di registrazione del marchio va presentata alla locale Camera di Commercio dove ha sede l’impresa oppure direttamente presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

Anche chi non ha registrato marchi in realtà utilizza un segno con il quale si presenta ai propri clienti ed è necessario valorizzare al meglio tale bene ed eventualmente difenderlo da chi lo vorrebbe usurpare.

Prima del deposito della domanda è necessario verificare se il marchio che si intende registrare non sia già stato registrato. Per questo è preferibile effettuare una ricerca sul sito www.uibm.gov.it (gratuitamente) oppure nel sito www.registroimprese.it (a pagamento).

Dover rinunciare ad un marchio dopo averlo immesso sul mercato comporta dei costi elevati sia in termini economici, (ritirare i prodotti dal mercato, il materiale pubblicitario, le etichette, gli imballaggi, etc.) che in termini di immagine nel rapporto con la clientela. Il brevetto  (più propriamente brevetto per invenzione) è volto generalmente a tutelare le invenzioni in campo industriale e può avere ad oggetto sia un prodotto che un procedimento.

Una invenzione per poter essere brevettabile deve avere allo stesso tempo i seguenti requisiti: novità,  attività inventiva, industrialità. Non possono costituire oggetto di brevetto: a) i metodi per il trattamento chirurgico o terapeutico del corpo umano o animale e i metodi di diagnosi applicati al corpo umano o animale; b) le varietà vegetali e le razze animali ed i procedimenti essenzialmente biologici di produzione di animali o vegetali, comprese le nuove varietà vegetali rispetto alle quali l'invenzione consista esclusivamente nella modifica genetica di altra varietà vegetale, anche se detta modifica è il frutto di un procedimento di ingegneria genetica.

I diritti di brevetto per invenzione industriale consistono nella facoltà esclusiva di attuare l’invenzione e di trarne profitto nel territorio dello Stato per una durata massima di 20 anni.

La domanda di brevetto può essere presentata in Italia e successivamente in altri Paesi stranieri; in alternativa si può utilizzare la domanda di brevetto europeo (sempre con possibilità di ottenere poi il brevetto in altri Stati esteri).

La domanda di brevetto europeo in particolare va presentata all’Ufficio Europeo dei Brevetti (Monaco di Baviera, L’Aia o Berlino) oppure agli Uffici Brevetti nazionali degli Stati contraenti. In Italia è possibile rivolgersi alla locale Camera di Commercio, oppure all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

Prima di procedere alla domanda di brevetto, è indispensabile fare una attenta ricerca attraverso più banche dati specializzate (ad esempio www.uibm.gov.it) in quanto il requisito della novità dell’invenzione è in termini geografici assoluti, comprendendo tutti i Paesi del Mondo.

Dati i tempi assai lunghi per ottenere la registrazione dei marchi o l’ottenimento dei brevetti è opportuno affidarsi a esperti in materia che possono procedere al deposito delle domande e alla tutela dei relativi diritti.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Dal Made in Italy al “Made in” europeo

del 08/11/2010

Il Parlamento Europeo nella seduta plenaria del 21 ottobre 2010 ha approvato, a larghissima maggiora...

Samsung contro Apple: lotta sui brevetti

Avv. Anna Lisa Bitetto del 27/10/2011

Partiamo dal presupposto che, in presenza di un brevetto, la mancata indicazione da parte del titola...

Affrancamento indiretto dei marchi

Dott.ssa Francesca Benassi del 05/12/2011

Il decreto legge n. 198/2011 del 6 luglio 2011 ha introdotto negli articoli 23 commi da 12 a 15 la p...