Consulenza o Preventivo Gratuito

E' partita la corsa ai saldi, ma fate attenzione!

del 09/07/2013

Estate: tempo di vacanze ma anche tempo di risparmi e questa volta – finalmente! – non si tratta di tirare la cinghia ma di poter acquistare a prezzi minori grazie al tradizionale inizio dei saldi.

Dal 6 Luglio scorso infatti, è iniziato il periodo dell’anno che ogni commerciante ed ogni cittadino attendono per poter realizzare qualche buon affare: cosa non da poco proprio perché la morsa della crisi non permette sia a chi vende che a chi acquista di poter espletare quella forma di scambio economico tanto necessario allo sviluppo e alla ripresa del nostro paese.

Troppi gli articoli che restano tristemente invenduti nei magazzini durante il resto dell’anno, troppe le famiglie che agognano qualche acquisto ma devono tirare dritto di fronte alle vetrine di negozi sempre più spesso tragicamente deserti.

A far scattare la corsa ai saldi sono state quest’anno le Regioni Campania, Basilicata e Trentino Alto Adige: apri pista della stagione degli affari. Ma come appena detto, dal 6 Luglio in tutte le regioni è possibile accedere agli sconti proposti in questo periodo dai commercianti.

Finalmente, grazie alle percentuali di sconto applicate sui prezzi di cartellino durante il resto dell’anno, sarà possibile risparmiare fino a circa il 50% ma attenzione: i consumatori devono verificare bene, prima di effettuare gli acquisti se realmente lo sconto applicato corrisponde al vero.

Le Autorità competenti anche quest’anno invitano i consumatori a fare attenzione alle frodi: nel caso in cui ci si trovasse di fronte ad una mistificazione degli sconti, sarebbe bene segnalare tali metodi al fine di scongiurare violazioni delle leggi in vigore in tema di saldi ma anche per non mettere in sofferenza il libero mercato che serve a garantire agli acquirenti una scelta maggiore al momento dell’acquisto.

Come si sa infatti, alcuni commercianti realizzano dei “ritocchini” in vista dei saldi: usano rialzare il prezzo effettivo per poi “scontare” gli articolo. Un giochetto che è teso a realizzare maggiori guadagni e a turlupinare i poveri acquirenti.

L’ADOC – Associazione Difesa Orientamento Consumatori – ha lanciato un messaggio in tal senso a tutti i commercianti, invitandoli a considerare che questo periodo deve essere vissuto da tutti come una grande e meravigliosa opportunità per far risollevare la nostra economia.

Se i commercianti invece pensano di sfruttare questo periodo esclusivamente a loro vantaggio, da ciò se ne ricaverà uno svantaggio per tutti: si può arrivare a un aumento delle vendite che va dal 5% al 10% se si fanno le cose per bene, seguendo le indicazioni delle normative in vigore e se si pensa che proprio a causa della crisi devastante non si può pensare di “spremere” i consumatori che anzi, vanno coccolati anche per ristabilire una forma di fiducia e fidelizzazione che oggi come oggi appare pesantemente corrotta.

Ad ogni modo, le previsioni sono tutte al positivo: nonostante la notevole riduzione del potere di acquisto degli italiani, dato anche dalla pressione fiscale ormai giunta a livelli soffocanti e che non lascia intravvedere punte di arresto, si calcola che in molti parteciperanno alla “corsa ai saldi” quasi fosse una piccola corsa al tesoro anche se, dati alla mano, considerando gli scarsi introiti delle famiglie medie, a fine periodo – quando si tireranno le somme del volume di affari complessivo nazionale – è quasi certo che non si parlerà di grandi cifre.

Meglio accontentarsi e attendere con un po’ di fiducia l’evoluzione della crisi e il ritorno di uno sbadiglio di sereno.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...

Ok alle dichiarazioni rese da teste non individuato

del 21/09/2010

La Corte di cassazione ha legittimato l'operato dei giudici di appello che hanno ammesso la condanna...