Consulenza o Preventivo Gratuito

Omicidio stradale: nuova fattispecie di reato?

del 01/07/2013

Negli ultimi anni si assiste ad un numero sempre più elevato di incidenti stradali che determina una maggiore attenzione da parte degli operatori del diritto nell’ambito di quello che è possibile ormai definire un vero e proprio “diritto penale della circolazione stradale”.

La questione più spinosa riguarda certamente l’individuazione della linea di confine tra il dolo eventuale e la colpa cosciente che, nel contesto in esame, consistono: nel riconoscimento (o meno) dell’elemento psicologico espresso da chi abbia cagionato la morte/infortunio di un uomo in conseguenza della violazione di norme poste a presidio di una corretta e sicura circolazione stradale.

L’intera collettività invoca una diversa e più severa qualificazione di tale reato soprattutto in termini dolosi e cioè  nel riconoscimento dell’elemento psicologico quale la coscienza e la volontà del soggetto agente di cagionare la morte di un uomo, essendo indifferente la finalità perseguita o la motivazione.

Nel tempo, emblematiche pronunce di merito hanno segnato un’inversione di tendenza sul punto, avendo qualificato tali fatti in termini di omicidio e lesioni personali dolose, nella forma eventuale.

Una recente sentenza della Corte di Cassazione Penale (n. 10411/11)  ha qualificato, per la prima volta, come dolosi l’omicidio e le lesioni personali commessi in violazione delle norme sulla circolazione stradale, con la condanna dell’imputato alla pena della reclusione di 15 anni e 6 mesi per “omicidio volontario”.  

Le considerazioni in diritto enunciate dai Giudici di Palazzo Spada muovono da una differenziazione degli istituti coinvolti ovvero: il dolo eventuale e la colpa cosciente.

Il dolo eventuale, quale forma più lieve di dolo al confine con l’area della colpa, è caratterizzato dalla  rappresentazione della concreta  possibilità, o elevata probabilità, del verificarsi di un evento accessorio rispetto allo scopo primario perseguito dal soggetto e dall’accettazione del rischio di tale verificazione.

La colpa cosciente invece (“avere agito nonostante la previsione dell’evento”) ricorre in tutte le ipotesi in cui il soggetto, pur  rappresentandosi ( in modo astratto) la realizzazione dell’evento rischioso, ne esclude la verificazione nella convinzione o nella ragionevole speranza di poterlo scongiurare per la propria abilità o per l’intervento di fattori esterni.

È dunque l’elemento volitivo il vero criterio distintivo tra le due fattispecie ed infatti mentre nel dolo eventuale occorre che la realizzazione del fatto sia stata accettata “psicologicamente dal soggetto”, nel senso che egli avrebbe agito anche se avesse avuto la certezza del verificarsi del fatto, nella colpa con previsione (cosciente) la rappresentazione concreta e certa della verificazione del fatto avrebbe trattenuto l’agente.

E’ importante sottolineare come un corretto giudizio di accertamento dell’elemento soggettivo del reato  non può ovviamente prescindere dall’analisi  specifica di ogni singolo caso concreto.

Tra le altre sentenze, particolare clamore mediatico ha sollevato la sentenza della Corte di Cassazione n. 11222/10, nota come “sentenza Lucidi”, dal nome dell’imputato, nella quale si sottolinea che la volontà di violare leggi, regolamenti, ecc., non è sufficiente per desumere che l’imputato ha in questo modo agito per causare indirettamente la morte di una persona (dolo eventuale); secondo i Giudici un comportamento in tal senso determina semplicemente “una condanna per colpa”.

Innovativa anche se non risolutiva è l’applicazione della c.d. “formula di Frank” anche agli omicidi stradali (utilizzata dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 12433 del 26 novembre 2009) che si propone quale strumento utile per accertare processualmente l’elemento soggettivo in tutti quei casi in cui sia dubbia la natura di dolo eventuale o di colpa con previsione; in pratica, secondo tale ragionamento il dolo eventuale è provato ogni qualvolta si realizza la seguente ipotesi: se il soggetto avesse avuto la certezza del verificarsi dell’evento lesivo, egli avrebbe comunque agito.

Tuttavia deve precisarsi che si tratta di sforzi interpretativi ed applicativi utilizzati dagli Ermellini per affrontare al meglio i numerosi “omicidi stradali” che troppo spesso causano la morte di vittime innocenti, distruggono le loro famiglie senza che venga messa in pratica una “giustizia concreta” accompagnata non solo dalla “certezza della pena” ma soprattutto dalla  severità della stessa perché la protezione dell’incolumità individuale risponde non solo ad un interesse del soggetto coinvolto ma anche della intera collettività.

Anche se non è agevole stabilire con precisione quando una fattispecie rientri nella previsione dell’art. 575 c.p. o dell’art. 589 c.p., il Giudice, al fine di qualificare il reato in termini di omicidio doloso/colposo o di lesioni personali colpose (art. 590 c.p., 2-3- comma) dovrà poggiare la sua decisione sugli elementi probatori del fatto ovvero: lo stato di salute del soggetto alla guida, le testimonianze, le rilevazioni su strada e le indagini tecniche disposte, ecc.

Il legislatore, a causa di una inadeguata efficacia deterrente delle norme sanzionatorie, è duramente intervenuto adottando numerosi provvedimenti legislativi quali la l. 102/2006  con la quale la pena edittale è stata aumentata a due anni  per “l’omicidio colposo aggravato dalla circostanza che il fatto sia stato commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale”(art. 589 c.p.,II co); sono state inasprite le pene per le lesioni personali colpose, aggravate per la violazione delle norme sulla sicurezza stradale.

Con il d.l. n. 92/2008 la pena per l’ipotesi di omicidio colposo aggravato è stata così innalzata,  nel massimo, a 7 anni  ogni qualvolta l’evento sia cagionato da  «soggetto in stato di ebbrezza alcolica”.

Merita un cenno anche il progetto Pisapia, dove si legge che «il reato sia doloso anche quando l’agente voglia il fatto, la cui realizzazione sia rappresentata come altamente probabile, solo per averlo accettato e ciò risulti da elementi univoci, salva in tal caso l’applicazione di un’attenuante facoltativa». Ciò che rileva è che si chiede con forza al Giudice di qualificare il fatto di chi cagioni la morte o una lesione ad altri alla guida di un veicolo in termini di dolo almeno “eventuale”.

Di sicuro l’interesse di un'intera collettività di voler punire aspramente coloro che cagionino “le morti su strada” è rappresentato da una proposta di legge popolare ex art. 71 Cost. II c., in materia di «omicidio e lesioni stradali», la quale prevede modifiche al codice penale con l’introduzione dell’art. 575-bis c.p. «omicidio stradale»: «chiunque ponendosi consapevolmente alla guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti o psicotrope ai sensi, rispettivamente, degli articoli 186, comma 2, lettera b) e c) e 187 del decreto legislativo 30 aprile 1922, n. 285, cagiona la morte di un uomo è punito con la reclusione da otto a diciotto anni»; dell’art. 582-bis c.p. per le «lesioni personali stradali», modifiche al codice della strada con ritiro e revoca della patente in conseguenza di tali delitti ed al codice di procedura penale, introducendo l’arresto obbligatorio in flagranza con riferimento all’omicidio stradale.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

Partita regolare ma tifosi condannati

del 15/09/2010

Se un tifoso viene imputato per turbamento dell'ordine pubblico a seguito di disordini e danneggiame...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...