Consulenza o Preventivo Gratuito

Il fallimento si estende anche alla moglie dell'imprenditore

del 06/05/2013

E'  principio consolidato quello secondo il quale il fallimento si estende non solo ai soci dell’imprenditore che appaiono essere tali, ma anche a quei soggetti che, pur non risultando ufficialmente soci,  in realtà lo sono.

Infatti l’art. 147, quarto comma, l.f. prevede che il fallimento del socio occulto può essere chiesto su istanza “del curatore, di un creditore, di un socio fallito”.

Pregiudiziale è l’accertamento della qualità di socio che avviene verificando, per esempio, la partecipazione agli utili, l’effettuazione di conferimenti, la condivisione delle scelte strategiche e gestionali.

In questo senso si è pronunciata la Suprema Corte (sentenza n. 1348 del 21/1/2013) la quale affronta anche il tema della applicazione del limite temporale di un anno per la dichiarazione di fallimento in estensione del socio occulto: tale termine decorre dal momento in cui la cessazione dell'attività sia stata portata a conoscenza dei terzi con mezzi idonei o comunque sia stata dagli stessi conosciuta.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Il credito ante-fallimento non è un costo in bilancio

del 03/11/2010

Non sono deducibili e quindi non possono essere iscritti in bilancio come costi i crediti non riscos...

Il sovraindebitamento e la procedura di composizione della crisi

Avv. Nicola Soldati del 16/01/2012

Con la pubblicazione del decreto legge 22 dicembre 2011, n. 212 è stato introdotto nel nostro ordina...

Il recesso del socio

Rag. Lisa Di Sacco del 18/01/2012

Il diritto di recesso consiste nel diritto del socio di sciogliere il rapporto contrattuale che lo l...