Consulenza o Preventivo Gratuito

Fare il parcheggiatore abusivo non è reato

del 06/05/2013

Contatta | Studio Legale Pecchi
v.le Leonardo da Vinci 114 Roma 00145 Roma (RM)

Il parcheggiatore abusivo, se viola il provvedimento del questore che aveva ordinato di desistere da quella condotta, non commette un reato ma un semplice illecito amministrativo, da punire con una sanzione amministrativa.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (Sez. penale, sent. n.15936/2013) la quale ha accolto il ricorso di un uomo condannato dal tribunale, ex articolo 650 c.p. per il reato di "Inosservanza dei provvedimenti dell'Autorità", per non aver ottemperato ad un provvedimento del questore il quale, per ragioni di ordine pubblico, aveva espressamente vietato l'esercizio dell'attività nei pressi dell'ospedale comunale. I giudici di legittimità hanno precisato che "ai fini della configurabilità del reato di cui all'art. 650 c.p. è necessario che: a) l'inosservanza riguardi un ordine specifico impartito ad un soggetto determinato, in occasione di eventi o circostanze tali da far ritenere necessario che proprio quel soggetto ponga in essere una certe condotta, ovvero si astenga da una certa condotta; e ciò per ragioni di sicurezza o di ordine pubblico o di igiene o di giustizia; b) l'inosservanza riguardi un provvedimento adottato in relazione a situazioni non prefigurate da alcuna specifica previsione normativa che comporti una specifica ed autonoma sanzione". "... una disposizione data in via preventiva ad una generalità di soggetti e con carattere regolamentare - come accaduto nel caso in esame - dove il provvedimento questorile riguardava in via generale tutti i parcheggiatori abusivi e risultava adottato in via del tutto generale alla stregua di disposizione tipicamente regolamentare", non ha le caratteristiche sopra indicate e, quindi, la sua inosservanza non può integrare il reato di cui all'art. 650 c.p.

Nel caso in cui, però, il parcheggiatore improvvisato pretende di essere pagato, "commette il reato di estorsione e non quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni se, con violenza o minaccia, pretenda il pagamento di un compenso per l'attività di parcheggiatore abusivo" (Cass. sent. n. 21942/2012).

E' necessario tuttavia sottolineare che la minaccia costitutiva del reato di estorsione, oltre che essere palese, esplicita, determinata, può essere manifestata in modi e forme differenti, ovvero in maniera implicita, larvata, indiretta ed indeterminata, essendo solo necessario che sia idonea ad incutere timore ed a coartare la volontà del soggetto passivo, in relazione alle circostanze concrete, alla personalità dell'agente, alle condizioni soggettive della vittima ed alle condizioni ambientali in cui questa opera.

In questa prospettiva, la giurisprudenza, ha addirittura escluso la ravvisabilità di altre ipotesi meno gravi di reato come, l'esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone (art. 393 c.p.) e la violenza privata (art. 610 c.p.) (cfr. Cass., Sez. II, penale, 1° aprile 2009), confermando la configurabilità del reato di estorsione.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
iPad come strumento di lavoro

del 14/07/2010

Array Networks Inc, società leader per l’utilizzo sicuro delle applicazioni in azienda, ha lanciato...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...

Ok alle dichiarazioni rese da teste non individuato

del 21/09/2010

La Corte di cassazione ha legittimato l'operato dei giudici di appello che hanno ammesso la condanna...