Consulenza o Preventivo Gratuito

Cessione intracomunitaria e clausola franco fabbrica

del 17/04/2013

Contatta | Studio Sac di Bosso Carola & C. - Studio Bava
Via Adriano Olivetti 73 Strambino 10019 Strambino (TO)
Cessione intracomunitaria e clausola franco fabbrica

Si realizza una cessione intracomunitaria quando sussistono congiuntamente i requisiti dell'onerosità dell'operazione, del trasferimento del diritto di proprietà sui beni, dello status di operatore economico del cedente nazionale e del cessionario comunitario e dell'effettiva movimentazione del bene dall'Italia ad un altro Stato membro ('art. 41 DL 331/1993).

L'onere della prova dell'effettiva realizzazione di una cessione intracomunitaria grava sul cedente italiano; l'Agenzia delle Entrate ha individuato quale documento idoneo il DDT, unitamente agli elenchi Intrastat, alle fatture, alla documentazione bancaria relativa alle somme riscosse in relazione alle cessioni intracomunitarie effettuate ed alle copie di tutti gli altri documenti che comprovino gli ordini ricevuti e l'avvenuta ricezione della merce da parte del committente comunitario.

Inoltre, per le  cessioni “franco fabbrica”, nelle quali il cedente consegna i beni al vettore incaricato dal cliente, considerando le difficoltà nell'ottenere una copia del DDT controfirmato dal destinatario per ricevuta, si chiarisce che la prova del trasporto può essere fornita con qualsiasi altro documento idoneo a dimostrare che le merci siano state inviate in altro Stato membro, quindi sono da ritenersi validi anche il CMR elettronico, dal quale si possano ricavare le medesime informazioni presenti su quello cartaceo e le firme dei soggetti coinvolti (cedente, vettore e cessionario), e le informazioni estrapolate dal sistema informatico del vettore da cui risulti che la merce ha lasciato il territorio italiano e ha raggiunto un altro Stato membro.

Tali documenti elettronici dovranno essere materializzati su supporto fisico per poter essere considerati giuridicamente rilevanti ai fini delle disposizioni tributarie e andranno conservati unitamente agli altri documenti precedentemente analizzati.

Di Martino Isabella, Dottore Commercialista, Studio S.A.C. - Studio Bava, Strambino (TO)

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Grecia, piano di bailout in preparazione

Fabio Ferrara, commercialista del 09/07/2015

Per la prima volta il Consiglio ha aperto all'ipotesi di un "ragionevole" alleggerimento del debit...

Regolamento Ue sul livello emissioni dei veicoli commerciali leggeri

del 30/12/2010

Il Consiglio dei Ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea ha approvato un regolamento che definisc...

La banca è responsabile se non informa sui rischi dell'investimento

Avv. Silvia Savigni del 10/05/2012

Una recente sentenza della Corte di Cassazione (sentenza n. 6142 del 19/04/2012) conferma la respons...