Consulenza o Preventivo Gratuito

Ristrutturazioni: incentivi 50% e 55% fino a giugno

del 29/03/2013

Ristrutturazioni: incentivi 50% e 55% fino a giugno

Ancora pochi mesi per poter usufruire dell'innalzamento della quota di detrazione Irpef per interventi riguardanti ristrutturazioni edilizie : Il D.L. 22 giugno 2012 n. 83 (Decreto Sviluppo), pubblicato nella G.U. del 26 giugno 2012 n. 147, ha innalzato dal 36 al 50% tale detrazione, , ma solo fino al 30 giugno 2013.

La massima spesa ammessa per unità immobiliare è pari a 96.000 € .

Per le spese sostenute a partire dal 1° luglio 2013 la detrazione IRPEF diventa strutturale, ossia non ha più scadenza, ma  tornerà ad essere del 36%, per un ammontare massimo di 48.000 euro.

La detrazione avverrà in dieci rate annuali di pari importo a partire dall’anno in cui è stata sostenuta la spesa ed in quelli successivi.

La detrazione IRPEF è ammessa solo per immobili a destinazione residenziale, qual’ora ci fosse un uso promiscuo dell’immobile (es ufficio o commerciale), la detrazione spetta nella misura ridotta del 50%.

E’ bene ricordare che oltre agli  interventi di ristrutturazione edilizia, manutenzione ordinaria e straordinaria così come elencati e descritti nella guida dell’agenzia delle entrate, anche gli interventi finalizzati al risparmio energetico possono fruire di questa opportunità in alternativa al 55% dal richiedere all’Enea.

Tra le operazioni contemplate c’è ad esempio la sostituzione di un vecchio generatore di calore con uno nuovo ad alto rendimento.

Pertanto, fermo restando il bonus del 55% per le caldaie condensing, tutte le caldaie a combustione “tradizionale” in regola con il D.P.R. 59/09 danno questa opportunità.

Per quanto riguarda i serramenti invece per centrare l’obiettivo del 55% bisogna sapere che si devono scegliere infissi ad altissime prestazioni (valori di trasmittanza molto bassi) quindi più cari. Con il 50% non sono previste soglie e si può puntare anche sulla fascia media e quindi più economica.

Le agevolazioni fiscali esistenti prevedono un ventaglio piuttosto ampio di possibili interventi che, se ben programmati e indirizzati, potrebbero condurre oltre che ad un aumento del valore dell’immobile, a netti tagli nei costi della bolletta del riscaldamento e del condizionamento estivo.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Autorizzazione paesaggistica semplificata

del 17/09/2010

Buone nuove in materia di interventi su immobili sottoposti a vincolo paesaggistico. Con un decreto...

Seconda fase del piano nazionale di edilizia abitativa

del 13/10/2010

Incremento del patrimonio di edilizia residenziale pubblica; promozione finanziaria anche ad iniziat...

Architettura ecosostenibile

Arch. Carlo Cominazzini del 17/10/2011

IntroduzioneConosciamo tutti gli effetti che le attività umane, fin dalla Rivoluzione Industriale, h...