Consulenza o Preventivo Gratuito

Inps: indennità dovuta per dimissioni "involontarie"

del 20/03/2013

Inps: indennità dovuta per dimissioni "involontarie"

Le dimissioni corrispondono alla volontà del lavoratore di interrompere il rapporto lavorativo e vanno accettate dal datore di lavoro: possono avere effetto immediato (il dipendente vedrà decurtato il periodo di mancato preavviso) oppure no, nel rispetto del periodo di preavviso stabilito dai contratti collettivi nazionali.

La disoccupazione, invece, è una condizione involontaria di perdita del posto di lavoro: l’Inps eroga un trattamento economico sostitutivo della retribuzione che dal 2013 prende il nome di ASPI. L’indennità di disoccupazione non spetta a chi si dimette volontariamente poiché si è ormai radicata la volontà di non lavorare.

La Corte di Cassazione nel 2002 intervenne stabilendo che le dimissioni per giusta causa consentono l’accesso all’indennità di disoccupazione: sono tali quelle dimissioni “involontarie” indotte da una situazione lavorativa insostenibile.

L’Inps è infatti scesa in campo elencando i casi in cui le dimissioni si considerano per giusta causa: mancato pagamento delle retribuzioni, molestie sessuali e mobbing, modificazioni peggiorative delle mansioni lavorative o delle condizioni lavorative a seguito di cessione di azienda, spostamento ad altra sede e comportamento ingiurioso di un superiore.

A seguito della richiesta di indennità di disoccupazione all’Inps, il lavoratore dovrà allegare idonea documentazione che comprovi quanto dichiarato e la volontà di difendersi in giudizio, di cui dovrà presentare esito all’Inps.

Qualora l’esito del giudizio fosse sfavorevole al lavoratore l’Istituto provvederà al recupero di tali indennità.

Oltre alle condizioni appena esposte, per aver accesso all’indennità di disoccupazione il lavoratore dovrà vantare almeno 2 anni di anzianità assicurativa e 52 settimane di contributi versati nel biennio precedente.

Per ottenere la disoccupazione con requisiti ridotti bisogna aver lavorato almeno 78 giorni di calendario nell’anno solare successivo.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Indennità di maternità al padre

del 06/09/2010

Cattive notizie per i padri di famiglia liberi professionisti che non potranno percepire l’indennità...

Lavoratori disabili: retribuzione anche durante accertamenti medici

del 22/09/2010

Quando un lavoratore con diversa abilità viene sospeso dal lavoro per accertamenti medici circa la s...

Incidenti sul lavoro: ne risponde il Cda

del 05/11/2010

Se a causa della mancata applicazione delle opportune misure di sicurezza ricorrono nel tempo gli in...