Consulenza o Preventivo Gratuito

I conferimenti ed i vincoli del fondo patrimoniale

del 29/10/2012

I conferimenti ed i vincoli del fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale è un istituto giuridico a cui normalmente si ricorre per vincolare uno o più beni immobili (usualmente l'abitazione) alla soddisfazione dei bisogni della famiglia.

Il fondo patrimoniale però può essere costituito anche da altri beni quali i beni mobili registrati ed anche i titoli di credito. 

A tal proposito si ritiene che possano essere conferiti in fondo patrimoniale sia i titoli nominativi sia quelli di diverso tipo a patto che il vincolo di destinazione possa esse fatto risultare in maniera idonea e, quindi, che il conferimento nel fondo possa essere pubblicizzato e reso opponibile ai terzi.

Attualmente la pubblicità relativa alla costituzione in fondo patrimoniale avviene a mezzo di una registrazione negli appositi conti che vengono aperti per depositarvi i titoli.

Sono poi gli stessi intermediari finanziari, in quanto soggetti istituzionalmente incaricati, a garantire il rispetto del vincolo di destinazione al momento del trasferimento degli strumenti finanziari.

Per quanto concerne gli interessi, questi sono evidentemente frutti del fondo ed in quanto tali possono essere utilizzati a patto che il loro impiego sia diretto a soddisfare i bisogni del gruppo familiare.

Si tenga presente che il concetto di "bisogni" è stato estremamente ampliato sia dalla dottrina che dalla giurisprudenza, arrivando a contemplare tutte le esigenze "volte al pieno mantenimento ed all'armonico sviluppo della famiglia nonché al potenziamento della sua capacità lavorativa", restando esclusi solamente gli intenti meramente speculativi.

È stata ritenuta ammissibile anche la possibilità di utilizzare i frutti e, quindi, gli interessi, per incrementare il valore del fondo e, quindi, sempre tornando al caso qui in esame, per  acquistare altri titoli che produrranno a loro volta altre utilità.

Se i frutti vengono impiegati per le normali esigenze della famiglia ci troviamo di fronte ad atti di ordinaria amministrazione che possono esse eseguiti disgiuntamente da ciascuno dei coniugi.

Se al contrario i frutti, soprattutto se di notevole consistenza, vengono reimpiegati allora si è di fronte ad atti di straordinaria amministrazione per i quali servirà il consenso congiunto di entrambi i coniugi.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Il bollo colpisce i conti deposito

Dott. Claudio Griziotti del 14/03/2012

Dopo la riforma delle pensioni e il ritorno della tassazione sugli immobili, la Manovra Monti, diven...

Risparmiatori: cultura finanziaria e protocollo MiFID

Dott. Valerio Corallo del 08/02/2013

La cultura finanziaria in Italia è ancora alla portata di pochi. Il problema dell'ignoranza di molti...

Mutui e finanziamenti quando sospensione

la redazione del 10/02/2015

Buone notizie per chi si trova in difficoltà economiche e non è in grado di pagare le rate dei pre...