Consulenza o Preventivo Gratuito

Come scegliere il colore per le pareti di casa?

del 27/08/2012

Come scegliere il colore per le pareti di casa?

Da sempre i colori vengono usati per comunicare specifici messaggi e questo processo di trasmissione dell’informazione si attua a livello fisico e psichico attraverso quelle sensazioni e emozioni che ogni colore è in grado di suscitare in noi. Ne deriva che il significato del messaggio che vogliamo comunicare trova nel colore uno dei suoi caratteri fondativi.  

Questo assunto lo ritroviamo nella nostra vita di tutti giorni, dal modo in cui ci vestiamo a quello in cui arrediamo e coloriamo le nostre case.

Ma differenza di molti, che credono che la scelta del colore per i vari ambienti della nostra casa sia più o meno standard (rosa, azzurro o verde per le camere e giallo o rosso per la cucina) e decodificata in base al tipo di attività ospitate, io sono dell’opinione che il colore sia invece una scelta che esula da ogni standardizzazione in quanto legata esclusivamente al nostro sentire profondo.

Basti vedere il modo in cui scegliamo i colori quotidianamente per vestirci, da quello delle scarpe e delle borse, fino quello dell’iPod o del cellulare. Si tratta queste di decisioni molto arbitrarie e personali che raramente sono imposte dall’esterno (se non nel caso di mode o ordini imposti dall’esterno) e che pertanto sono più legate all’andamento del nostro umore al nostro modo di presentarci nel mondo e di relazionarci agli altri: in sintesi, i colori sono uno degli stumenti attraverso i quali definiamo il nostro stile di vita.

Allo stesso modo, dunque, nella scelta dei colori per la nostra casa diventa allora importante optare per quelle tonalità che rispecchiano realmente noi stessi e non le credenze imposte dall’esterno. Questo perché la casa nella quale viviamo è prima di ogni altra cosa l’espressione fisica della nostra esistenza, del nostro modo di essere “vero” e del nostro modo di relazionarci agli altri. Attraverso la casa raccontiamo infatti noi stessi, quello che facciamo e come la pensiamo. Pertanto, non può essere la funzione a determinare il colore delle stanze di casa nostra, bensì le emozioni (messaggi) che attraverso queste vogliamo trasmettere all’esterno e ai nostri amici quando ci vengono a trovare.

Alla luce di questo, diventano per lo più superflui anche tutti quei suggerimenti sulle tonalità di colore da utilizzare in caso di stanze troppo piccole o troppo grandi, di soffitti troppo alti o troppo bassi. La risposta giusta è “dipende”: dipende dal proprio stile di vita, dall’idea di noi stessi che vogliamo trasmettere, dal modo in cui vorremmo vivere quella stanza e che fosse vissuta dai nostri ospiti, nonché dalla luce naturale che la illumina (quella artificiale si può sempre adeguare) e dal tipo di arredamento e di complementi che prediligiamo. Invece può risultare utile conoscere il significato proprio di ogni singolo colore, il tipo di emozione che trasmettere e del modo in cui, attraverso questa, può influenzare le nostre azioni e il nostro stato d’animo.

Rosso

Il rosso è un colore energico ed eccitante, è il colore della potenza, dell’amore e della passione, elementi indispensabili nella nostra vita ma da utilizzare nella giusta dose. Se utilizzato con tonalità troppo sature (accese) può infatti favorire stati di tensione e nervosismo. Se impiegato invece nelle giuste dosi e sfumature trasmette sentimenti di forza, vitalià, sentimenti che rendono le persone più aperte, gioiose, piene di energia e fisicamente più istintive.

Arancione

Meno eccitante del rosso ma ugualmente intenso, l'arancione infonde energia ed entusiasmo nelle persone, porta serenità, allegria e ottimismo. È un colore brillante e gioioso che favorisce il buon umore e la spensieratezza. L’arancione è il colore “sociale” delle persone un po’ estroverse che amano la compagnia.

Giallo

Il giallo è il colore che, per eccellenza, rappresenta la gloria e la ricchezza, la fertilità e la giovinezza. Per questo motivo viene associato alla parte sinistra del nostro cervello perché ne stimola il lato intellettuale. Il giallo è dunque  il colore dell’intelligenza e del sapere in quanto attiva la nostra attività celebrale, la creattività, la fantasia e la memoria visiva. Ideale dunque nello studio per favorire il benessere della nostra mente aumentando la concentrazione, l’attenzione e la memorizzazione nello studio.

Verde

Il verde è il colore della natura, della vita all’aria aperta e degli alberi che donano ossigeno e vitalità. In mezzo alla natura la nostra mente è libera di viaggiare e di rilassasi, di allontanare i pensieri negativi e di ricercare quell'equilibrio e armonia che donano calma e stabilità. Colore che amano il verde sono persone miti e sincere, aperte e pazienti: di regola si tratta di persone ben educate e garbate che godono di buona reputazione ma che non amano trovarsi troppo spesso al centro dell’attenzione.

Blu

Il blu è il colore della calma, della pace e della serenità emotiva che conduce all’armonia. In quanto tale è tranquillizzante e ideale su persone troppo aggressive e impazienti. Se il celeste fa bene agli occhi, calma e rilassa, il blu è il colore che calma, modera e fa dimentare i problemi di tutti i giorni: dissipa cioè il nervosismo rallentando la pressione sanguigna e la respirazione.

Viola

Il viola è il colore della spiritualità, del mistero, della trasformazione e della magia. Come il blu modera inoltre l’irritabilità e aiuta il raccoglimento e la meditazione, ma anche la curiosità e l’ispirazione creativa.

Marrone

Il marrone è il colore della terra, degli albera e quindi simboleggia solidità, sicurezza, concretezza e attaccamento alle proprie origini. È tipico delle personalità forti e solide con grande capacità di resistenza e pazienza. In generale, le persone a cui piace il marrone sono molto coscienziose e consapevoli dei propri doveri e responsabilità, costanti, attente e conservatrici. Per questo motivo, a volte, viene associato a chi è fortemente ancorato alle proprie abitudini e convinzioni e non ama i cambiamenti.

Bianco

Il bianco contiene in sé tutti e sette i colori dell’iride e per questo rappresenta il colore della perfezione, dell’idealismo e della chiarezza di visione. Il bianco è un colore che rivitalizza: fresco, luminoso, solare, il bianco è il colore della luce, ovvero il simbolo dell’energia, della vitalità e della semplicità. Utilizzato spesso nelle liturgie, il bianco è rappresentativo inoltre dell’innocenza, della pulizia, del candore e dell’ingenuità in quanto associato all’idea di nascita, a qualcosa di ancora intatto.

Grigio

Il grigio è il colore della chiusura e del non coinvolgimento. Privo di qualsiasi stimolo è il simbolo della prudenza e del compromesso, come anche dell’indifferenza e il rifiuto del cambiamento. Chi ama questo colore cerca la calma e la pace esteriore, ma non quella interiore. Chi predilige il grigio rifiuta inoltre l’eccitazione e lo stimolo, mentre la vitalità viene respinta per condurre una vita tranquilla senza alti né bassi.

Nero

Il nero è in genere associato all’idea di potere e, in alcuni contesti, assume la valenza di colore in grado di denotare forza, autorità, eleganza e prestigio. Nella moda il nero è il colore perfetto per chi vuole apparire colto e intelligenre. Il nero, però, è il colore del mistero e dell’inspiegabile: è la luce non ancora manifestatasi,  nella quale tutto esiste ma non è visibile.

 

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Autorizzazione paesaggistica semplificata

del 17/09/2010

Buone nuove in materia di interventi su immobili sottoposti a vincolo paesaggistico. Con un decreto...

Seconda fase del piano nazionale di edilizia abitativa

del 13/10/2010

Incremento del patrimonio di edilizia residenziale pubblica; promozione finanziaria anche ad iniziat...

Architettura ecosostenibile

Arch. Carlo Cominazzini del 17/10/2011

IntroduzioneConosciamo tutti gli effetti che le attività umane, fin dalla Rivoluzione Industriale, h...