Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Assistenza agli associati

del 21/09/2015
CHE COS'È?

Assistenza agli associati: definizione

L'assistenza agli associati è un reato contemplato dall'art. 418 del codice penale, che recita: "Chiunque, fuori dei casi di concorso nel reato o di favoreggiamento, dà rifugio o fornisce vitto, ospitalità, mezzi di trasporto a taluna delle persone che partecipano all'associazione, è punito con la reclusione da due a quattro anni". La pena è più 'pesante' se il vitto o il rifugio sono garantiti continuativamente. Non è punibile chi ha agevolato un prossimo congiunto. Ricordiamo che i prossimi congiunti sono i fratelli, le sorelle, gli ascendenti, i discendenti, gli affini nel medesimo grado, i nipoti, gli zii e il coniuge. L'assistenza agli associati, dunque, è una fattispecie delittuosa che si configura quando non siano configurabili il concorso nel reato e il favoreggiamento. Il delitto contemplato dall'art. 418 del codice penale presuppone che il soggetto sia estraneo all'associazione criminale e agisca quando quest'ultima è operativa. 

Spesso si è portati a confondere la partecipazione a un'associazione mafiosa con l'assistenza agli associati. Il primo reato si configura quando un soggetto si prodiga per assicurare la latitanza del leader dell'associazione criminale, permettendogli di comunicare con gli altri malavitosi e così continuare a coordinare l'organizzazione. In tal caso, infatti, il soggetto non agevola il boss ma tutta l'associazione criminale. 


COME SI FA

Il reato di assistenza agli associati si configura solo quando l'aiuto viene dato ai singoli  componenti dell'organizzazione criminosa, senza lo scopo di eludere gli accertamenti delle forze dell'ordine, perché altrimenti scatterebbe il reato di favoreggiamento. Fino al 2001, la fattispecie criminosa dell'assistenza agli associati si configurava solo nel caso in cui soggetto forniva vitto o alloggio a un membro dell'associazione criminosa; nel 2001, però, la legge n. 438 ha previsto tra le condotte delittuose anche il fornire ospitalità, mezzi di trasporto e mezzi di comunicazione. Insomma, l'ordinamento penale si è armonizzato ai tempi che cambiano. 


CHI

Possono essere condannati per assistenza agli associati tutti coloro che hanno assunto condotte specifiche, contemplate dall' art. 418 del codice penale, riformato nel 2001. Le condotte punibili sono rappresentate dal fornire vitto, ospitalità, mezzi di trasporto, rifugio o mezzi di comunicazione ai singoli membri di un'associazione criminale. La pena è maggiore se la condotta viene assunta costantemente, proprio per il maggior disvalore dell'atteggiamento del soggetto nei confronti di un'organizzazione malavitosa. La persona che viene condannata per assistenza agli associati deve aver fornito aiuto, nelle modalità stabilite dall'art. 418 c.p., a soggetti appartenenti ad organizzazioni dedite alla commissione di crimini. 


FAQ

1. Qual è la differenza tra assistenza agli associati e favoreggiamento personale?

Per la configurazione dell'assistenza agli associati occorre un sincronismo tra operatività dell'organizzazione criminale e l'assistenza. Se un soggetto assiste i membri dell'associazione criminale una volta terminata la collaborazione delittuosa si configura il reato di favoreggiamento personale, contemplato dall'art. 378 c.p. Inoltre, l'assistenza agli associati ricorre solo se l'autorità giudiziaria non ha ordinato investigazioni e ricerche. 

2. Chi fornisce un cellulare allo zio mafioso è condannabile per assistenza agli associati?

No, purché chi fornisce assistenza sia estraneo all'organizzazione criminale. Gli zii, infatti, sono prossimi congiunti. 

3. L'assistenza agli associati è un reato comune?

Sì, perché può essere commesso da chiunque. 

4. Se chi assiste vuole che l'associato non sia preso dalle forze dell'ordine?

In tal caso si configura il reato di favoreggiamento personale, punibile in base all'art. 378 del codice penale, che contempla pene più pesanti rispetto a quelle previste dall'art. 418 c.p. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO L'ORDINE PUBBLICO: VOCI CORRELATE

Istigazione a delinquere

di del 22/08/2016

L'istigazione a delinquere è un reato previsto dal Codice Penale all'articolo 414, che stabilisce ch..

Associazione a delinquere

di del 15/07/2016

Il reato di associazione a delinquere è previsto dall'articolo 416 del Codice Penale, che specifica ..