CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Dichiarazione infedele


Aggiornato al 24/02/2012

CHE COS'È
Commette il reato di dichiarazione infedele, previsto e sanzionato dall’articolo 4 decreto legislativo 74/2000, chiunque al fine di evadere le imposte sui redditi o l’IVA, indichi nella dichiarazione annuale:
  • elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo;
  • elementi passivi fittizi.
Questa fattispecie di reato non necessita di alcun impianto fraudolento, finalizzato ad ostacolare i poteri di accertamento del Fisco, ma può essere commesso da qualunque contribuente, anche non obbligato alla tenuta delle scritture contabili, in quanto l’oggetto materiale del reato è rappresentato dalla dichiarazione annuale in materia di imposte sui redditi o IVA.
Il delitto di dichiarazione infedele punisce con la reclusione da uno a tre anni chiunque al fine di evadere le imposte sui redditi o l'IVA, indichi in una delle dichiarazioni annuali relative a dette imposte, elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo o elementi passivi fittizi, in modo tale che l’imposta evasa sia superiore a 50.000 euro e l’ammontare complessivo degli elementi sottratti all’imposizione sia superiore al 10% dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione o, comunque, a due milioni di euro.
Il momento consumativo del reato coincide con la presentazione della dichiarazione annuale dei redditi o IVA.
L’elemento soggettivo, caratterizzato dal dolo specifico, richiede la coscienza e volontà di indicare nelle dichiarazioni annuali dati e notizie false, al fine di evadere il pagamento dei tributi dovuti.
COME SI FA
Il reato di dichiarazione infedele si colloca tra le fattispecie relative al momento dichiarativo, quindi, per disciplinare i rapporti tra la dichiarazione infedele e le fattispecie più gravi di dichiarazione fraudolenta, previste agli articoli 2 e 3 del medesimo decreto legislativo, viene introdotta una clausola di riserva iniziale che esclude l’applicazione della norma sulla dichiarazione infedele nei casi in cui le condotte di maggiore gravità siano assorbite nella sfera applicativa dei reati di dichiarazione fraudolenta mediante l’utilizzo di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti e di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici.
Il perfezionamento della fattispecie illecita si realizza mediante la presentazione di una dichiarazione annuale relativa alle imposte dirette e IVA, indicando in essa elementi attivi che manifestano una discrasia con quelli reali ovvero elementi passivi fittizi, determinando un’evasione d’imposta nei limiti indicati espressamente dal legislatore. La fattispecie, quindi, criminalizza la semplice presentazione di una dichiarazione ideologicamente falsa senza che, ai fini della rilevanza penale della condotta realizzata, sia necessario un ulteriore comportamento a sostegno del mendacio.
Come visto in precedenza l’integrazione della fattispecie di infedele dichiarazione si ha quando si verificano congiuntamente le seguenti condizioni:
  • l’imposta evasa sia superiore, con riferimento a ciascuna delle singole imposte, a euro 50.000;
  • l’ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all’imposizione, anche mediante indicazione di elementi passivi fittizi, sia superiore al 10% dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione o, comunque, sia superiore a euro 2.000.000;
entrambi i parametri di cui sopra devono essere riferiti a ciascuna singola imposta.
Non sono quindi penalmente rilevanti le condotte alle quali consegue il superamento della soglia di punibilità sommando gli importi delle due tipologie di imposte evase.
Quest’ultima specificazione che tiene conto del sistema della dichiarazione unica, esclude la sommatoria tra evasione concernente le imposte sui redditi ed evasione concernente l’imposta sul valore aggiunto, incrementando così l’effetto deflativo della soglia; al tempo stesso , però, rende rilevante il superamento del limite anche quando si sia verificato in rapporto ad una soltanto delle imposte considerate.
Il reato in esame è posto a tutela diretta dell’interesse patrimoniale dell’Erario in quanto vengono criminalizzate quelle condotte alle quali consegue effettivamente l’evento del danno cagionato dall’evasione; quest’ultima rileva solo nel momento in cui l’imposta evasa sia quantitativamente superiore a quanto indicato nelle soglie di punibilità. Si richiede, quindi, che la condotta infedele accertata e attribuita al contribuente sia qualitativamente tale da arrecare un danno sostanziale e “non formale” all’amministrazione
La nozione di imposta evasa è delineata all'articolo 1, lettera f), decreto legisaltivo 10.3.2000, n. 74, come differenza tra l'imposta effettivamente dovuta e quella indicata nella dichiarazione, al netto delle somme versate dal contribuente o da terzi a titolo d'acconto, di ritenuta o comunque in pagamento di tale imposta prima della presentazione della dichiarazione.
Le soglie di punibilità riferite all'imposta evasa si intendono estese anche all'ammontare dell'indebito rimborso richiesto o dell'inesistente credito d'imposta esposto nella dichiarazione (articolo 1 lettera g), che si sommeranno, ai fini della quantificazione dell'imposta evasa, a quanto eventualmente non dichiarato.
Per verificare l'imposta effettivamente dovuta, il Giudice penale deve:
  • accertare il reddito complessivo qualificando anche l'eventuale inerenza delle spese e la corretta deduzione dei costi;
  • tener conto dei costi effettivamente sostenuti anche se non registrati (cosiddetti "costi neri"), a condizione che il contribuente fornisca idonea prova. L'evasione deve infatti essere quantificata a prescindere da quanto dichiarato, sulla base del reddito effettivo in senso economico.
Ne consegue che solo l'Autorità giudiziaria può realmente determinare l'"imposta evasa", riscontrando la ricorrenza della fattispecie sanzionata dall’ articolo 4. decreto legislativo 74/2000, mentre l'Amministrazione finanziaria - che inoltra la notizia di reato - non dispone di elementi sufficienti a stabilire se tale reato sussista o meno, dato che la sua "versione" dei fatti si muove su presupposti differenti rispetto a quelli che devono orientare il Giudice penale.
CHI
L'articolo 4 del decreto legislativo 74/2000 - dichiarazione infedele - punisce chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o l'IVA, indica nella dichiarazione annuale:
  • elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo;
  • elementi passivi fittizi;
in modo tale che l’imposta evasa sia superiore a 50.000 euro e l’ammontare complessivo degli elementi sottratti all’imposizione sia superiore al 10% dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione o, comunque, a due milioni di euro.
Entrambi i limiti sopra riportati devono coesistere e sono relativi a ogni singola imposta, anche se queste sono ricomprese in un'unica dichiarazione fiscale.
Tale fattispecie non è associata all’utilizzo fraudolento di artifici finalizzati a ostacolare i poteri di accertamento del Fisco. Il reato può essere commesso da qualunque contribuente, anche non obbligato alla tenuta della contabilità. L'oggetto materiale del reato è rappresentato dalla dichiarazione annuale in materia di imposte sui redditi o IVA.

Questa spiegazione ti è stata utile?
Vuoi collaborare a migliorare il contenuto? La spiegazione..
Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI SULLA VOCE

Commercialisti

Studio Aleotti Arnaldo

Via De Amicis, 5/d
44012 Bondeno (FE)
Tel. 0532897578 - Fax. 0532897422

aleotti@studioaleotti.com - www.studioaleotti.com

IN EVIDENZA
Contabilità, Bilancio, Dichiarazioni dei redditi, Difesa del contribuente, Revisione, Operazioni straordinarie, Stime e perizie, Accertamenti fiscali, Contenzioso tributario
Commercialisti

Alessio Dr. Franco Dottore Commercialista

Via Roma, 175
15033 - Casale Monferrato (AL)
Tel. 014275733 - Fax. 014275733

info@studio-alessio.it - www.studio-alessio.it

IN EVIDENZA
Bilancio, Regimi fiscali, Dichiarazioni dei redditi, Società in nome collettivo, Società in accomandita semplice, Società a responsabilità limitata, Società per azioni, Gruppi societari, Revisione, Operazioni straordinarie
Commercialisti

Studio Romoli Romana

Via Garavaglia, 8
40129 Bologna (BO)
Tel. 0516334740 - Fax. 0514200857

romanaromoli@studioromoli.com - www.studioromoli.com

IN EVIDENZA
Compravendita immobiliare, Contributi e Previdenza, Bilancio, Dichiarazioni dei redditi, Società in nome collettivo, Società in accomandita semplice, Società a responsabilità limitata, Revisione, Operazioni straordinarie, Accertamenti fiscali
CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →







VOCI CORRELATE

Dichiarazione IRAP
Aggiornato al 27/04/2012


Modello Unico Società di Capitali
Aggiornato al 27/04/2012


Modello Unico Persone Fisiche
Aggiornato al 27/04/2012


Modello 770
Aggiornato al 03/05/2012


Nuovo Redditometro
Aggiornato al 06/02/2013


Modello Unico Enti non commerciali
Aggiornato al 01/06/2011


Modello ISEE
Aggiornato al 11/11/2011


Modello 730
Aggiornato al 27/04/2012


Dichiarazione dei redditi
Aggiornato al 27/04/2012


[x] chiudi

Rimborso Iva annuale
Aggiornato al 22/02/2012



FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio
La redazione è offline