Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Finanza agevolata: Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per lo sviluppo

del 31/01/2011
CHE COS'È?

Finanza agevolata Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per lo sviluppo: definizione

Il Quadro Strategico Nazionale (QSN 2007-2013), previsto dall’art. 27 del Regolamento generale CE 1083/2006, è il documento di orientamento sull'utilizzo dei Fondi Strutturali comunitari e del cofinanziamento nazionale, elaborato congiuntamente da amministrazioni centrali e regionali, istituzioni economiche e sociali.

I contenuti del documento indicano che la politica regionale di sviluppo può offrire un forte contributo alla ripresa della competitività e della produttività dell’intero Paese e alla riduzione della persistente sottoutilizzazione di risorse del Mezzogiorno attraverso:

  • il miglioramento dei servizi collettivi e delle competenze,
  • una maggiore concorrenza dei mercati dei servizi di pubblica utilità e dei capitali,
  • incentivi appropriati per favorire l’innovazione pubblica e privata.

Obiettivi e priorità del QSN

La strategia delineata nel Quadro prevede quattro macro obiettivi:

  1. sviluppare i circuiti della conoscenza;
  2. accrescere la qualità della vita, la sicurezza e l’inclusione sociale nei territori;
  3. potenziare le filiere produttive, i servizi e la concorrenza;
  4. internazionalizzare e modernizzare l’economia, la società e le amministrazioni.

Negli obiettivi sono poi state definite le 10 Priorità tematiche:

  • Miglioramento e valorizzazione delle risorse umane
  • Promozione, valorizzazione e diffusione della Ricerca e dell’ innovazione per la competitività
  • Uso sostenibile e efficiente delle risorse ambientali per lo sviluppo
  • Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita e l’attrattività territoriale
  • Valorizzazione delle risorse naturali e culturali per l’attrattività per lo sviluppo
  • Reti e collegamenti per la mobilità
  • Competitività dei sistemi produttivi e occupazione
  • Competitività e attrattività delle città e dei sistemi urbani
  • Apertura internazionale e attrazione di investimenti, consumi e risorse
  • Governance, capacità istituzionali e mercati concorrenziali e efficaci

Fasi.biz


COME SI FA

I Programmi Operativi Nazionali, Regionali ed Interregionali (PON, POR, POIN)
La parte largamente prevalente della programmazione operativa 2007-2013 dei fondi strutturali avverrà nel quadro di Programmi Operativi Regionali (POR). Un’altra parte, più esigua sia numericamente che in termini di dimensioni finanziarie complessive avverrà nel quadro di Programmi Operativi Nazionali (PON).

L’elenco dei Programmi Operativi Regionali (POR), articolati per macroarea “Competitività e occupazione” (a sua volta articolata in programmi delle Regioni Centro-nord e programmi delle Regioni Mezzogiorno) e “Convergenza” è riportato nel Capitolo V “Il Quadro Finanziario” del QSN e tale proposta sarà oggetto di negoziazione con la Commissione Europea.

I Programmi Operativi Nazionali (PON) riguardano:

  • Istruzione,
  • Ricerca e competitività,
  • Sicurezza,
  • Reti per la mobilità,
  • Governance e azioni di sistema.

Sono infine previsti due Programmi Operativi Interregionali (POIN), promossi, programmati e attuati da coalizioni di amministrazioni prevalentemente regionali con il contributo, l’accompagnamento e/o la partecipazione di uno o più centri di competenza nazionali; i POIN riguardano:

  • Energie rinnovabili risparmio energetico
  • Attrattori culturali, naturali e turismo.

Le modalità di incentivazione

Rispetto al periodo 2000-2006, si prevede una riduzione degli strumenti di incentivazione di natura generale e la riduzione delle intensità di aiuto per gli incentivi a finalità di sviluppo regionale previsti dai nuovi inquadramenti comunitari per il periodo 2007-2013.

Le scelte programmatiche presenti nel Quadro operano un ri-orientamento significativo nella composizione degli incentivi, accrescendo il peso relativo della strumentazione diretta alla promozione di investimenti privati nel campo

  • della ricerca,
  • dell’innovazione,
  • delle tecnologie ambientali,
  • della valorizzazione del contributo della risorsa umana.

CHI

Per il periodo 2007-2013, le risorse finanziarie a disposizione di organismi pubblici e/o privati, singoli e/o associati dell’intero territorio nazionale sono pari a circa 122 miliardi di euro, di cui oltre 100 miliardi di euro sono destinati al Mezzogiorno.


vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

FINANZA AGEVOLATA : VOCI CORRELATE

Finanza agevolata: Fondi di garanzia a favore delle PMI - L.662/96 e L.266/97

di del 31/01/2011

I fondi di garanzia favoriscono l'accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese media..

Finanza agevolata

di Mattei Grazia Pia del 11/12/2014

Rientrano nell'ambito della finanza agevolata tutti gli strumenti finanziari erogati da un soggetto..

Finanza agevolata: fondo rotativo per il finanziamento delle misure finalizzate all'attuazione del Protocollo di Kyoto

di del 31/01/2011

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del 25 novembre 2008 del Ministro dell’Ambie..

Finanza agevolata: Programma Formazione e Innovazione per l’Occupazione

di del 31/01/2011

Il Programma Formazione e Innovazione per l’Occupazione - Fixo, promosso e sostenuto dal Minis..

Finanza agevolata: regime di aiuto a favore delle attività di ricerca

di Dr. Andrea Gallo del 31/01/2011

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con Decreto n. 87 del 27 marzo 2008, ha approvato il Regolame..