Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Comunione

del 26/09/2016
CHE COS'È?

Comunione: definizione

In diritto, quando si parla di comunione si fa riferimento a una situazione per cui la proprietà spetta a più persone in comune. Ma non è detto che si abbia a che fare solo con la proprietà: in gioco ci può essere, infatti, anche un altro diritto reale. Nell'ordinamento giuridico del nostro Paese, la comunione - che nei sistemi di civil law rappresenta un istituto giuridico che è codificato fin dai tempi del diritto romano - è normata dal Codice Civile, dall'articolo 1100 in poi.


COME SI FA

Cosa prevede la disciplina italiana a proposito delle quote dei partecipanti?

La coesistenza del diritto uguale di un certo numero di persone nei confronti della stessa cosa si concretizza immaginando che quella cosa possa essere scomposta in quote; se dal punto di vista concreto e materiale la cosa in comune appartiene interamente a ciascun partecipante, dal punto di vista ideale il numero delle quote da scomporre deve essere pari al numero di comproprietari. Per stabilire la frazione della quota, si procede a un calcolo aritmetico, tenendo conto della proporzione per cui ogni partecipante concorre, sia per quel che riguarda gli oneri, sia per quel che riguarda i vantaggi. Le quote devono essere presunte uguali, almeno in linea di principio, anche se lo stesso bene viene pagato da più persone che versano somme differenti. Naturalmente, si può avere a che fare con quote differenti se ciò viene stabilito per volontà delle parti o per legge.


CHI

Un avvocato civilista.


FAQ

1. Come deve essere usata e amministrata la cosa in comune?

L'uso della cosa in comune spetta a ogni partecipante, separatamente: è essenziale, però, che i partecipanti non alterino in alcun modo la destinazione della cosa stessa, e che agiscano in maniera tale da non comprometterne l'utilizzo degli altri partecipanti (è, questo, il cosiddetto principio del concorso, disciplinato dall'articolo 1102 del Codice Civile). Ovviamente, non sempre può accadere che la cosa venga utilizzata da ogni partecipante in maniera individuale. Per quel che concerne la sua amministrazione, spetta alla collettività dei partecipanti, i quali sono chiamati a deliberare a maggioranza di quote, come prevede l'articolo 1105 del Codice Civile. L'articolo 1108, invece, stabilisce che ci sia bisogno della maggioranza del numero dei partecipanti in rappresentanza di non meno dei due terzi del valore della cosa per l'amministrazione straordinaria e per le innovazioni.

2. Come deve essere gestita la rappresentanza nei confronti dei terzi?

La legge non si esprime in proposito, il che fa dedurre che la rappresentanza spetti singolarmente a ogni partecipante in maniera separata dagli altri. Può, comunque, essere individuato un amministratore della cosa comune, a patto che sia nominato a maggioranza; lo si può scegliere sia tra i partecipanti che all'esterno. L'amministratore così identificato diventa, dunque, un mandatario dei partecipanti, a cui gli stessi possono impartire istruzioni, sempre a maggioranza. Gli stessi partecipanti hanno la facoltà di sostituire il mandatario nello svolgimento di specifici atti di amministrazione. 

3. Come deve essere amministrata dal punto di vista giudiziario la cosa comune?

Il giudice ha sulla cosa comune lo stesso potere che ha sulle cose delle persone fisiche; non può, invece, esercitare condizionamenti o poteri, a meno che tale comportamento non si renda necessario per la salvaguardia di diritti lesi, e in generale non gli è permesso alcun tipo di interferenza nella gestione della cosa comune.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

COMUNIONE: VOCI CORRELATE

Immobili: comunione dei beni

di del 31/03/2017

La comunione dei beni per gli immobili prevede che i coniugi condividano gli stessi. Per esempio, un..

Comunione: amministrazione dei beni

di del 09/08/2017

L'amministrazione dei beni in comunione è regolamentata dall'articolo 180 del Codice Civile: la disc..