Consulenza o Preventivo Gratuito

Assegno di mantenimento: il tenore di vita non conta

del 11/05/2017
di: Redazione
Assegno di mantenimento: il tenore di vita non conta

Con la sentenza n. 11504 di ieri, 10 maggio 2017, i supremi giudici della Corte di Cassazione hanno rivoluzionato il diritto di famiglia modificando i parametri che per 30 anni hanno orientato il riconoscimento dell’assegno di mantenimento.

Per i supremi giudici, il parametro del tenore di vita collide radicalmente con la natura stessa dell'istituto del divorzio e con i suoi effetti giuridici per questo, per riconoscere l’assegno di mantenimento, non conta più il dover assicurare il tenore di vita matrimoniale all’ex coniuge che lo richiede.

La sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito anche quattro parametri per deliberare se il richiedente abbia diritto all’assegno di mantenimento: possesso di un reddito, di patrimoni mobiliari e immobiliari, capacità di lavorare e disponibilità di un’abitazione. L’ex coniuge che richiede il mantenimento deve dunque dimostrare di non avere redditi sufficienti per il proprio sostentamento e allegare specificamente (e provare in caso di contestazione) le concrete iniziative assunte per il raggiungimento dell’indipendenza economica, secondo le proprie attitudini e le eventuali esperienze lavorative.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Più spazi al coniuge superstite nella casa familiare

del 01/03/2013

Nella successione legittima spettano al coniuge superstite i diritti di abitazione sulla casa adibit...

Assegno divorzile riducibile se si ereditano beni

del 28/05/2014

La Cassazione con ordinanza 11797 del 27 maggio 2014 ha stabilito la riduzione di un assegno di divo...

Separazioni e divorzi, nuove procedure

del 19/05/2015

La circolare del ministero dell’interno 1307 del 24 aprile 2015 dispone una serie di precisazioni pe...