Consulenza o Preventivo Gratuito

Riforma PA: cosa cambia per i dirigenti

del 30/08/2016
di: Redazione
Riforma PA: cosa cambia per i dirigenti

La riforma della PA introduce numerose novità per i dirigenti.

Il decreto legge attuativo sulla riforma della Pubblica Amministrazione firmato dal ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Maria Anna Madia e approvato in via preliminare dal Governo presenta numerose novità per le cariche detenute dai dirigenti pubblici. In breve, le novità.

Si è introdotto un unico ruolo dirigenziale, il che significa che ogni dirigente – a eccezione di presidi e medici – potrà ricoprire il ruolo di dirigente statale, regionale o locale.

Al ruolo di dirigente si accederà tramite un corso-concorso la cui graduatoria presenterà solo i vincitori e non gli idonei.

La Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA) diventerà Agenzia e formerà in modo omogeneo i dirigenti, a eccezione dei dirigenti di vertice, e alla formazione seguirà un periodo di prova di 3 anni prima della conferma del ruolo.

L’incarico durerà 4 anni prorogabili di 2, così da garantire la rotazione dirigenziale, e il 30% dello stipendio sarà legato al risultato in modo da favorire un sistema competitivo e premiare i più meritevoli.

I dirigenti privi di incarico sono obbligati a partecipare ad almeno 5 selezioni all’anno, pena la retrocessione a funzionario e il licenziamento se questa posizione viene rifiutata.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Le liberalizzazioni non limitano gli enti ma li valorizza

del 24/01/2013

L'obbligo per le regioni e gli enti locali di adeguare i propri ordinamenti ai principi di liberaliz...

La coincidenza dei termini mette in affanno gli enti

del 23/04/2013

Gli enti locali in ambasce per la coincidenza dei termini per le richieste al Mef di deroga al Patto...

La p.a. pagherà i professionisti

del 05/06/2013

Al banchetto dei pagamenti della p.a. siederanno anche i professionisti. I crediti da loro vantati v...